Il Tagliaerba di Georges Savignac: la vera sorpresa nell’uovo di Pasqua!

Il Tagliaerba di George Savignac

Episodio 4: la sorpresa dell’uovo (ri)bollito.

 

Intro: Ho finalmente comprato il bavaglio per pulirmi la bocca dalla bava, che a detta di Riccardo Manservisi, viene ogni qualvolta si parla del padre Ivano. Non guasterebbe però un po’ di autoironia bro.. se no il testamento di Tasi che cosa lo fate a fare?

 

Le vacanze di Pasqua sono finite, con il loro carico di pranzi abnormi e dolci di ogni tipo. E mentre i carabinieri speravano di trovare dentro l’uovo di cioccolata Igor il russo, i carrozzai centesi ci hanno trovato una bella grandinata. Non deve essere piaciuta molto la sorpresa che ha trovato il leader della Nord Corea, che infastidito dal solito porta chiavi, minaccia di bombardare con l’atomica la Bauli, la Lindt E la kinder se la prossima volta non troverà almeno un peluche.

 

I politici locali invece dopo confessioni dal prete di 12 ore circa, per purificarsi dalle bugie dette in campagna elettorale, tornano alla routine:

 

Pd: i democratici si beccano aimè una bella strigliata da Matteo Renzi. L’ex presidente del consiglio rimprovera la vittoria della sua corrente all’interno della sezione di Cento, ricordando la iettatura che gli ha portato Piero Lodi col suo appoggio per il si al referendum. Ma l’ex sindaco continua a dichiararsi un  cittadino comune, preoccupato per la sua città (perlomeno sui social) e, nonostante qualcuno gli stia dicendo che era meglio che si fosse allarmato dell’ andamento generale già 5 anni fa, lui riunisce tutti per un dibattito. L’incontro utile a dimostrare l’attaccamento al territorio, verterà su un tema di strettissima attualità: la morte dei desaparecidos in America Latina negli anni 70. Ovviamente si parlerà anche di altri temi di Cento, come la schiavitù degli ebrei durante la costruzione delle piramidi, l’estinzione del dodo e le colonie britanniche nell’India del XVII secolo. E per la serie “i miracoli avvengono tutti i giorni”, Busi può finalmente interrompere lo sciopero della fame. Infatti la pasqua segna la resurrezione di Greghi, messo in croce durante la campagna elettorale 2016. Edoardo Accorsi divenuto per l’occasione san Tommaso chiede di mostrare le ferite ricevute durante la via crucis, che fu per il segretario comunale, il mandato Lodi. Ma è lo stesso Greghi ad infilarsi il dito nella piaga, a dimostrazione che è ancora sanguinante, tocca infatti il tema dell’accoglienza profughi.  Nonostante l’argomento fece segnare un calo di consensi, il masochismo pd non conosce limiti, tanto da far impallidire la protagonista femminile di 50 sfumature di grigio. Infatti il partito democratico dichiara “Toselli non usi l’alibi del sisma… che l’abbiamo già usato per 4 anni e tutta la campagna elettorale, ed è un po’ consumato!” (Suggerita da Enrico Atti). Si confida invece che i viaggi di Claudia Tassinari la tengano occupata ancora per un po’..

 

 

Lega Nord e Forza Italia: Pettazzoni, ormai indaffaratissimo nel tentativo di capire la sua vera utilità in consiglio regionale, lascia la guida del carroccio locale a Elisabetta Giberti, sua collega in consiglio, ormai un’autorità nel tema dei rifiuti. La neo segretaria detta la linea politica locale con l’intento di dimostrare il salto di qualità intellettuale, e le parole d’ordine sono: “Ruspa! Ruspa! Ruspa!”. Secondo la consigliera i rifiuti non dovranno più essere messi lungo i bordi delle strade, ma proprio in mezzo, così che le ruspe raccolgano i sacchi senza problemi. Sarà inoltre necessario demolire i palazzi abbandonati (possibili abitazione abusive di immigrati) sempre utilizzando la ruspa. Ed infine la cura del verde pubblico non sarà più un problema: le ruspe non faranno più crescere l’erba su cui poseranno i cingoli. Il simbolo della lega verrà sostituito prossimamente con quello della Caterpillar. Più ecologiche le soluzioni proposte da Diego Contri, che subendo l’influenza del suo collega (nonché ciclista) Gunner Maccaferri propone di istituire i vigili urbani in bicicletta. Questa idea, nata dopo la visione della serie tv “Pacific Blue”, non trova il consenso pieno degli stessi vigili, che già sotto organico, non amano l’idea di controllare 64 kilometri quadrati senza macchina. Ma Contri sostiene che ciò sarebbe utile per far si che eventuali buche sulle ciclabili siano prontamente individuate dalla polizia municipale e arrestate. Qualcuno gli ha ricordato che per queste esigenze esiste l’urp e la cmv, ma lui pare essere inarrestabile e propone anche: Carabinieri a cavallo (che già c’erano), guardia di finanza in monopattino, guardia forestale in rollerblade e squadre antisommossa in risho..

 

Onda centese e Libertà per Cento: Il professor Malucelli, dopo una pausa di riflessione è deciso a cambiare registro ed essere più incisivo, passerà infatti dall’altra parte della barricata: il metal. Per attirare su onda centese nuovi potenziali sostenitori, sempre tra le file dei giovani, vestirà come il cantate dei Black Sabbath, Ozzy Osbourne, scriverà una biografia su Marilyn Manson e organizzerà attraverso il Lions Club una data in piazza Guercino del tour dei Napalm Death.

Marco Mattarelli invece insorge dopo la recente tempesta di grandine, a suo dire frutto della politica sconsiderata di Apc degli ultimi vent’anni. Già pronto l’esposto ai magistrati per dimostrare come Poppi abbia aperto una carrozzeria proprio in questi giorni, in accordo con le assicurazioni (tutte in mano ai soliti 4 o 5 imprenditori locali), che facevano firmare polizze auto contro danni da eventi climatici. Ma non potrà contare per qualche tempo su Mirco Gallerani, anche lui pronto per il cinema; infatti dopo la scomparsa di Tomas Milian, i produttori vogliono rilanciare il genere dei polizieschi all’ italiana e il direttore del centopercento sarà perfetto come nuovo “monnezza”. I titoli in lavorazione saranno: “Cento calibro 9″, “la banda del Grillo sincero”, “squadra anti poteri forti” e “Mattarelli s’incazza”. Per mantenere un legame con gli anni 70 gli è stato concesso di guidare la sua panda; il ruolo di “bombolo” affidato a turno tra Michele Testa e Nelson Zagni..

 

Cento civica: il sindaco Toselli incomincia a usare il polso e si ribella ai continui schiamazzi notturni; più precisamente quelli dei residenti delle abitazioni limitrofe al Fuego 91, che ogni sabato sera si riunivano sotto casa sua. Decide perciò di istituire come orario di chiusura della nota e problematica baracchina, le ore 23, ma essendo accusato di non aver a cuore il destino delle attività commerciali, ne quello dei giovani è pronta una nuova soluzione: il fuego verrà trasferito. Sarà collocato nella nuova sede del circolo anziani di Cento, nella fondazione Zanandrea, condividendo clientela e iniziative; in pratica vedrete 90enni farsi un mojito alle 11 del mattino e 18enni friggere i gnocchini alle 22 di sera. La tombola generale sarà organizzata col patrocinio del comune. In consiglio invece approvato il bilancio con la collaborazione dell’assessore Matteo Fortini, il quale viene accusato di non aver saputo spiegare ai non tecnici in maniera chiara i vari capitoli di spesa. Lui risponde prontamente che per Mattarelli è stato facile e chiaro da comprendere, il fatto che l’abbia anche bocciato è un dettaglio trascurabile. Ma per la prossima volta promette più semplicità e farà esporre i numeri a chi li ha inventati: arabi madrelingua. Intanto il sindaco dopo questa approvazione è certo che le opere pubbliche siano ormai in partenza; manca giusto il benestare dei marziani, l’allineamento dei pianeti e che un buco nero ci permetta di entrare in un universo parallelo. Insomma nessun problema che con qualche incontro non si risolva.

 

Infine tutti a chiedersi chi è quel privato che ha dato disponibilità ad accogliere i profughi. Che sia l’ex sindaco Silvio Canelli in cerca di nuovi tifosi per la Benedetto?

Il Tagliaerba di George Savignac

Il Tagliaerba di George Savignac

Print Friendly
FacebookTwitterGoogle+FlipboardLinkedInWhatsAppLineGoogle GmailBlogger PostEvernoteCondividi

Lascia un Commento