• Mar. Apr 13th, 2021

Il primo giornale telematico di Cento

Giù le mani dal Premio Daniele Po! – Replica al consigliere Marco Pettazzoni (LN) della Presidente dell’Associazione Onlus “Le Case degli Angeli di Daniele”- Titolare del Premio Internazionale Daniele Po

DiGiuliano Monari

Nov 15, 2017
Share

“Al di là del mio ruolo inevitabilmente pubblico di presidente di due associazioni locali, “Le Case degli Angeli di Daniele Onlus” e “I Commedianti della Pieve”, chi mi conosce sa che nella vita privata ho sempre tenuto una condotta discreta e rispettosa degli altri e, di fronte a comportamenti sgradevoli ( chi non ne ha subiti?) o in situazioni offensive nei miei confronti, ho sempre cercato di evitare le reazioni immediate ed impulsive. Anche nel caso del comunicato apparso il 2 Novembre scorso su Areacentese in cui il consigliere regionale della Lega Marco Pettazzoni si riferiva al nostro Premio mi ero ripromessa di non dare seguito alla cosa ma , rileggendo il tutto, ho meglio riflettuto sulla gravità delle parole da lui usate nei confronti della presunta “terrorista” da noi premiata e soprattutto mettendo in discussione la motivazione stessa del Premio Daniele Po. Nello scritto c’è poi un richiamo alla Regione Emilia Romagna che ha concesso il patrocinio chiedendo se era consapevole di ciò che faceva . A questo punto perché allora non chiedere se erano consapevoli anche il Senato della Repubblica, il Consiglio dei Ministri, il Vaticano, l’Università degli Studi di Bologna? O forse il consigliere Pettazzoni pensa che patrocini di tale livello vengano distribuiti a pioggia con leggerezza senza i dovuti controlli della Questura e della Prefettura?

Una cosa è certa: la leggerezza l’ha commessa lui quando non ha esitato a presentare un’ interrogazione alla Regione senza il dovuto approfondimento con imprudente frettolosità e con evidente uso strumentale. Posso affermare che certe prese di posizione chiaramente ideologiche non mi hanno mai coinvolta, ma quanto accaduto mi riguarda molto da vicino e mi indigna profondamente l’ombra che si è voluta gettare sul premio intitolato a mio figlio: un premio coraggioso che affronta e segnala all’opinione pubblica argomenti scomodi e scottanti di cui qualcuno preferirebbe non parlare ma che invece vengono da noi proposti proprio per coscienza e desiderio di ricerca della verità. E la ricerca della verità deve percorrere strade oneste.

Sarà mia premura presentare alla Regione, qualora mi venisse richiesta, la documentazione completa della procedura seguita: patrocini , profilo della vincitrice del Premio, iter giudiziario del “caso”.

Quanto poi al riferimento del consigliere, laddove sottolinea che la Corte Europea di Strasburgo ha rigettato il ricorso presentato dall’avvocato della difesa (Associazione Memorial Human Rights), Kirill Koroteyev, va chiarito che tale ricorso non chiedeva un pronunciamento della Corte sulla innocenza o colpevolezza ma solo sulla validità procedurale che ha portato alla sentenza emessa dal Tribunale Cittadino di Mosca e confermato poi, con lieve riduzione di pena, dal Tribunale della Federazione Russa.

La Corte Europea dunque, riunitasi il 9 Maggio 2017 (III Sezione) non ha confermato la sentenza di condanna per terrorismo, come ambiguamente Pettazzoni lasciava intendere nel suo comunicato ma , sia pure con un ritardo di 13 anni, senza entrare nel merito, ha confermato la validità procedurale del processo di Mosca (…non sono stati violati i diritti garantiti dall’Art. 1 Par.1 e 3/b e 3/d della Convenzione Europea dei Diritti Umani). La difesa aveva chiesto di rivedere le dichiarazioni dei testimoni sottolineando, tra le altre cose, l’assenza del funzionario di Polizia Sahid Ahmaev, che al momento dell’udienza era fuori in missione di lavoro ( ma nessun documento comprovante). Sia detto per inciso che tale discutibile personaggio oggi è in carcere per altri illeciti commessi. A proposito di corruzione, il caso di Ilaria Alpi non ha insegnato niente?

Se ciò non bastasse, per ulteriore informazione: il “caso” Mourtazalieva verrà riesaminato il 20 Febbraio 2018 dalla Corte Suprema , il massimo grado di Giudizio, che si riunisce raramente e per discutere in ultimo appello i casi più complessi (infatti dei 28 ricorsi presentati soltanto 6, tra cui quello di Zara, verranno riesaminati). E questo caso , che sarebbe potuto passare inosservato come quello di migliaia di “casi prefabbricati”, si sta rivelando molto più complicato e scomodo del previsto .

Quel regime di Stato che intendeva e intende trasmettere al proprio paese e al mondo il messaggio di una leadership forte e garante di ordine e sicurezza, oggi, anche con questa triste vicenda giudiziaria, mostra la vera e ignobile immagine di chi, cavalcando la paura collettiva del terrorismo, sacrifica con false e pesanti accuse, tanti poveri innocenti; è talmente grave e pauroso il fenomeno del terrorismo, che è molto facile ottenere consensi per chi adotta la linea dura nel contrastarlo, non importa se sulla base di falsità.

Infine, rifacendomi alle parole del consigliere regionale Pettazzoni circa l’opportunità che la Regione porga le sue scuse alle autorità diplomatiche russe, dico che se qualcuno deve scusarsi è proprio lui da cui mi aspetto, nonostante tutto, un onesto e dignitoso passo indietro per amore di verità e per il rispetto dovuto a me personalmente, alla mia Associazione e al Premio che porta il nome di mio figlio.

Nedda Alberghini

Presidente dell’Associazione Onlus “Le Case degli Angeli di Daniele”- Titolare del Premio Internazionale Daniele Po.

Share