Una nuova illuminazione per Pieve di Cento

Visite: 10
Efficientamento energetico, ammodernamento degli impianti e più sicurezza gli obiettivi
Una nuova illuminazione per Pieve di Cento

Ad inizio marzo sono partiti i lavori di riqualificazione ed efficientamento della illuminazione pubblica di Pieve di Cento. Il progetto esecutivo approvato dalla Giunta comunale prevede principalmente due grandi obiettivi:

  1. una nuova, moderna ed efficiente illuminazione delle strade e parchi esterni al centro e storico (compresa la circonvallazione interna) che consenta di garantire anche maggiore sicurezza;
  2. una bella ed efficiente illuminazione artistica dei portici e dei monumenti in centro storico.

 Per quanto riguarda il primo obiettivo, i lavori appena partiti consistono in:

  • sostituzione di n. 159 pali stradali con associata esecuzione di scavi per interrare le linee attualmente aeree (per una lunghezza complessiva di circa 3,8 km). Queste le vie interessate:

via Carbonara; via Bandiera; via Asia; via 4 Novembre; via Vittorini; via Pavese; via San Giuseppe; via de Gasperi; via Giovanni XXIII; via Don Minzoni; via Leopardi; via Donatori di Sangue; via Ponte Nuovo; via Circonvallazione Ponente (tratto da via Provinciale Bologna a via Pontenuovo).

  • nelle restanti vie, sostituzione di tutte le 632 lampade stradali esistenti con nuove lampade al LED (con una temperatura di colore 3.000 K) e sostituzione di tutte le 387 lampade pedonali presenti lungo i viali e i parchi con nuove lampade a LED (sempre a 3.000 K) adeguandosi anche alla legge contro l’inquinamento luminoso;

 Per quanto riguarda il secondo obiettivo i lavori consisteranno in:

  • sostituzione di tutte le lampade esistenti sotto i portici con nuove lampade al LED e installazione di nuove lampade al LED anche lungo quei portici oggi non illuminati, per un totale di circa 200 lampade;
  • illuminazione con lampade al LED dei monumenti più importanti di Pieve attualmente non illuminati in maniera adeguata da un punto di vista artistico ed energetico, ovvero: Porta Ferrara, Porta Asìa, Municipio, Collegiata e Campanile, Chiesa Ss. Trinità e Campanile, ex-Municipio in via San Carlo, Casa degli Anziani e colonna in Piazza delle Catene.

Il progetto nel suo complesso comprende inoltre la demolizione di 15 vecchi quadri elettrici per accorpamento e razionalizzazione dell’impianto e la realizzazione di un impianto fotovoltaico di 3 KW sul tetto della scuola materna.

L’importo complessivo dei lavori è di 812.000 euro e sarà interamente sostenuto dalla ditta che si è aggiudicata la speciale gara d’appalto che consente di finanziare i lavori grazie all’enorme risparmio energetico che questi lavori determineranno. Oggi infatti il consumo di energia elettrica per l’illuminazione pubblica è pari a 845.930 kWh/anno, domani sarà di 255.436 kWh/anno. Ovvero un risparmio di 590.494 KWh/anno pari a circa il 70% in meno rispetto ad oggi!

Alla ditta che eseguirà i lavori è stata poi assegnata la manutenzione di tutti gli impianti di illuminazione pubblica e il pronto intervento da eseguire nel rispetto di precisi e rigidi tempi di intervento.

I lavori sono appunto iniziati ad inizio marzo e termineranno entro dicembre 2018.

La prima fase (circa 3 mesi) riguarderà la sostituzione dei circa 160 pali e la realizzazione dei relativi scavi. Tutti i residenti delle vie interessate ai lavori saranno volta per volta preavvisati mediante apposita segnaletica sul giorno preciso in cui saranno realizzati gli scavi: le prime vie interessate sono quelle nella zona di via Asìa a partire dalle più esterne.

Poi i lavori proseguiranno con la sostituzione di tutte le circa 1000 lampade presenti sul territorio, per poi concludersi con l’illuminazione di tutti i portici e dei monumenti.

Alla fine di tutti i lavori avremo certamente un’illuminazione pubblica più efficiente e moderna, più sostenibile e più rispettosa dell’ambiente, avremo strade e periferie meglio illuminate e quindi più sicure e avremo un centro storico ancora più bello…anche di notte.

Share Button

Share

Lascia un commento