PREMIO DI LETTERATURA RAGAZZI: Primo premio a ‘Massimo da sistemare’ di Loredana Frescura e Marco Tomatis Con 2.408 voti

Un Gran Galà per annunciare la classifica finale dei libri finalisti alla 39a edizione del Premio Letteratura Ragazzi di Cento. Promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, imitato da tanti e ambito da molti, rappresenta il più longevo e mai interrotto Premio di Letteratura per ragazzi in Italia. Nato nel 1978 grazie ad una collaborazione tra la allora Cassa di Risparmio di Cento e Università di Ferrara, ha visto passare le più grandi firme della letteratura per ragazzi (due su tutti Roberto Piumini e J.K. Rowling, la mamma di Harry Potter), grandi nomi del giornalismo e uomini di cultura hanno fatto parte della Giuria Tecnica, uno solo invece è stato il Presidente: Gianni Rodari, proprio nella prima edizione del Premio, nel 1978.

Oggi il premio rappresenta per la Fondazione Cassa di Risparmio di Cento, il mezzo per sostenere la lettura tra i giovani, aiutare le scuole di tutta Italia ad avere libri che altrimenti non riuscirebbero a trovare, sostenere l’editoria e premiare i migliori autori.

Tanta la suspense che sabato sera si respirava nella splendida cornice del museo MAGI’900 di Pieve di Cento, durante la notte internazionale dei Musei, che ha ospitato il Gran Galà, autori in attesa di conoscere il verdetto e tanta curiosità tra gli ospiti presenti. Autori arrivati anche dall’estero, in particolare dal Belgio e dalla Spagna. La serata, condotta da Elena Melloni della Fondazione, ha visto la presenza dei Sindaci di Pieve e di Cento, Sergio Maccagnani e Fabrizio Toselli, del proprietario del museo Giulio Bargellini, oltre ovviamente alla Presidente della Fondazione Cristiana Fantozzi, che ha fatto gli onori di casa, Gianni Cerioli curatore del Premio, molti consiglierei della Fondazione, rappresentati di case editrici, Alberto Lazzarini e Salvatore Amelio curatori del Premio nelle edizioni passate.

Presente anche la Giuria Tecnica, oltre a Gianni Cerioli, Luigi Dal Cin scrittore, Manuela Gallerani Università di Bologna, Grazia Gotti Accademia Drosselmeier e Maria Teresa Alberti responsabile della biblioteca comunale di Cento; giuria che ha avuto un compito molto difficile quest’anno: 167 i libri in concorso, record di partecipazione di sempre.

Dopo la scelta dei 6 libri finalisti da parte della giuria tecnica lo scorso Ottobre, i libri sono stati inviati alla Giuria Popolare, formata da studenti provenienti dalle scuole di tutta Italia.

Ecco i numeri che hanno caratterizzato questa edizione: 596 classi iscritte alla Giuria Popolare, per un totale di 12.045 ragazzi, 5.047 delle scuole primarie e 6.998 delle scuole secondarie di primo grado.

La Fondazione ha acquistato e regalato, oltre 2.000 libri per far leggere i ragazzi che poi hanno votato i loro libri preferiti. Un grande investimento quello della Fondazione centese che – sommato ai premi in denaro di € 4.000 per i primi classificati, € 2.000 per i secondi e € 1.000 per i terzi – è ben riassunto nello slogan che promuove il premio centese: Premia chi scrive e vince chi legge.

Successo anche per la XIV edizione del Concorso per Illustratori che, come per i premi agli autori, dopo la selezione di una terna finalista da parte di una giuri di esperti, sono stati i ragazzi a votare le illustrazioni che più sono piaciute.

I vincitori della Sezione scuola primaria

1° classificato

Con 2.408 voti

MASSIMO DA SISTEMARE

di Loredana Frescura e Marco Tomatis

ill. Aurora Cacciapuoti

Giunti JUNIOR

Massimo è un bambino iperattivo, che fatica a mantenere viva l’attenzione e la concentrazione in aula, mentre la maestra spiega. A lui non sembra così grave come si comporta, perché è così che sa fare. Una sera ascolta di nascosto sua madre mentre dice di lui che è intelligente e improvvisamente apprende che è “da sistemare”: così ha sentenziato la sua maestra. Che cosa vorrà mai dire che lui è “da sistemare”? A volte, per un bambino, è davvero difficile comprendere gli adulti.

2° classificato

Con 1.097

PAPÀ GUGOL

di Paolo Di Paolo

Bompiani-Giunti editore

Di Paolo affronta con ironia e leggerezza un tema particolarmente attuale: il rapporto con gli strumenti informatici.

Una preziosità letteraria per raccontare un incontro fra generazioni diverse e un invitare ad accompagnare i nostri figli e nipoti attraverso il viaggio della conoscenza.

3° classificato

Con voti 770

I NUMERI FELICI

di Susanna Mattiangeli

ill. Marco Corona

Vanvere edizioni

Tina racconta giorni, persone, numeri: prima li incontra, poi li osserva con passione, e infine li descrive con deliziosa ironia.

Un punto di vista straordinariamente nuovo, immagini che commuovono, una scrittura matura e potente: una voce fresca per raccontare la bellezza e la complessità dell’infanzia in un prezioso diario estivo.

Vincitori sezione  scuola secondaria

1° classificato

Con 2.651 voti

UN PESCE SULL’ALBERO

di Lynda Mullaly Hunt

uovonero

“Ognuno è un genio – dice Einstein – ma se si giudica un pesce dalla sua abilità ad arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la vita a credersi stupido”.

Un magnifico romanzo che narra con ironia le vicende scolastiche di una ragazza con problemi di dislessia che ha ormai abbandonato ogni speranza. L’incontro con un’insegnante che sa vedere il bambino prima dello studente è l’occasione narrativa per presentare un inedito avvincente punto di vista sul mestiere dell’educatore.

2° classificato

Con 2.443 voti

PIÙ VELOCE DEL VENTO

di Tommaso Percivale

Edizioni EL

La storia in chiave romanzata di Alfonsina Strada che riesce ad emergere all’interno di uno sport allora riservato unicamente agli uomini: il ciclismo.

Una donna controcorrente che oltre alla famiglia desidera percorrere la propria strada verso la libertà, pedalando veloce come il vento verso un traguardo in cui tutto può diventare possibile.

3° classificato

Con 1.148 voti

IL CLUB DELLA VIA LATTEA

di Bart Moeyaert

Sinnos

Due giornate estive in città: lunghi tempi e spazi vuoti, ronzii, silenzi, attese. Eppure due giorni pieni di storie surreali, emozioni, scoperte. Uno stile secco, essenziale, incisivo, nel contempo ironico, immaginifico, poetico. Un registro cronachistico tenuto volutamente basso per presentare in modo realistico una quotidianità avventurosa.

Opere segnalate scuola primaria

LA CLASSE DEI BANCHI VUOTI

di Luigi Ciotti

edizioni Gruppo Abele

Ben illustrato dai disegni di Sonia Maria Possantini, il testo di luigi Ciotti si apre in modo serrato: <<C’è in Italia una classe di banchi vuoti>>. E’ questo l’inizio, duro e commovente insieme, della storia dei bambini e delle bambine che hanno conosciuto il tragico destino di incrociare le mafie nella loro breve esistenza. I loro nomi risuonano però ben vivi nella chiamata della vita di tutti.

FACCIAMO CHE ERAVAMO

di Silvia Roncaglia Desideria Guicciardiniedizioni Gruppo Abele

Una delicata e toccante storia sul legame profondo tra un nonno e un nipote che condividono l’esperienza della fragilità e della malattia, dell’amore e della cura reciproca. I sentimenti e le vicende familiari si intrecciano e si ricombinano creando sfumature talvolta inaspettate, talvolta inedite. Prima è il nonno a prendere per mano il nipote, poi sarà il bambino a guidare il nonno, dopo aver appreso dalla vita una lezione importante: la vita ci sorprende sempre e ci chiede, ogni giorno, impegno, cura e responsabilità.

Opere segnalate scuola secondaria

NO SURRENDER DA UN’AMICIZIA IN RETE UN’AVVENTURA MOZZAFIATO

di Carl Hiaasen

Giunti editore

Un viaggio alla ricerca di una ragazza sedicenne fuggita con un ‘amico’ conosciuto in rete.

Personaggi straordinari che vivono agli estremi dopo una vita trascorsa nella società civile.

Ritmo serrato, fiato sospeso, una sapiente mescolanza di giallo e romanzo di formazione per raccontare gli inganni della rete.

YOUNG COWBOYS

di Elena Kedros

Mondadori

Giovani Cowboys rinverdisce il mito della frontiera attualizzandolo come di recente hanno fatto tanti romanzi per adulti e alcuni fra i più importanti registi del cinema hollywoodiano. È un mito tramontato? Quando R.L. Stevenson scrive l’isola del tesoro non ci sono corridori del mare all’orizzonte. Ad Henry James non piacque, ma Stevenson gli rispose che certamente non era mai stato bambino.

Premio speciale poesia a parimerito

MARE MATTO

di Alessandro Riccioni ill. Vittoria Facchini

LAPIS ed

Alessandro Riccioni compone un acquario di quartine musicali che vedono protagonisti gli abitanti del mare. E’ davvero matto questo mare, popolato di paguri in cerca di una nuova dimora, pesci spada moschettieri, calamari arrabbiati che ti fanno un occhio nero. Le illustrazioni di Vittoria Facchini arricchiscono le pagine con figure che guizzano sul fondo bianco come i pesci nel mare.

DIECI LEZIONI SULLA POESIA, L’AMORE E LA VITA

di Bernard Friat

LAPIS ed

La maggior parte della gente

Ignora la maggior parte della poesia,

perché la maggior parte della poesia

ignora la maggior parte della gente.

Il poeta e scrittore francese Bernard Friot apre le sue lezioni citando Adrian Mitchell, della generazione devi poeti arrabbiati inglesi che hanno composto versi per adulti e ragazzi, primo in apertura del libro. È una dichiarazione esplicita che intende aprire le porte della poesia per entrare nelle sue stanze. Per farlo in solitario, o con i compagni, anche guidati da insegnanti speciali.

Segnalazione della Collana

RIVOLUZIONI,

CAMBIAMENTI IN CORSO

ISTOS ed

I mutamenti, i cambiamenti, le rivoluzioni sono il sale della Storia. Cosa muta al l’insorgere di una rivoluzione? Le condizioni economiche, sociali, culturali della comunità degli umani. Merito alla casa editrice Istos di aver scelto le rivoluzioni come filo rosso per la nuova collana curata da Teresa Porcella, le cui prime perle rivisitano la rivoluzione francese, quella messicana è quella russa.

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

IL MAESTRO

di Fabrizio Silei ill. Simone Massi

Orecchio Acerbo

Il Premio Letteratura per Ragazzi desidera, in occasione dei 50 anni della pubblicazione di “Lettera a una professoressa”, segnalare agli adulti che hanno responsabilità educative questo albo, raffinato per scrittura e illustrazione, quale prezioso strumento per avvicinare le giovani generazioni alla figura di don Lorenzo Milani.

Concorso Illustratori

Al 1° posto con 320 voti

DIMENTICARE BERNI

di Eva Sanchez Gomez

per la leggerezza preziosa di un imponente e onnipresente orso bianco che catalizza lo sguardo del lettore tra le campiture ad acquarello. È uno stile elegante, ironico, infinitamente poetico.

Al 2° posto con 240 voti

IL MIO PRIMO DOSTOEVSKIJ. IL COCCODRILLO: UN CASO STRAORDINARIO

Illustratrice STRAMBETTY

per il complesso strutturarsi di un linguaggio iconico in b/n capace di attrarre subito l’attenzione del riguardante. L’elegante gioco compositivo riformula le immagini con perfetta sintesi.

Al 3° posto con 233 voti:

AGATA SMERALDA

Illustratrice LETIZIA GALLI

FRANCO COSIMO PANINI editore

per i bellissimi tagli compositivi, per la resa cromatica e per la forza espressiva delle immagini che si fanno senso della storia. È un percorso esemplare dalla parte dei bambini.

Miglior Albo Illustrato

VENEZIA

illustrato DA DAVID PINTOR

KALANDRAKA edizioni

per la felice epifania di una realtà, fantastica e onirica insieme, in un percorso attraverso le calli di Venezia in compagnia di gatti e piccioni. Un silent book di grande fascino e sapienza iconica.

FacebookTwitterGoogle+FlipboardLinkedInWhatsAppLineGoogle GmailBlogger PostEvernoteCondividi

Lascia un commento