• Mar. Apr 13th, 2021

Il primo giornale telematico di Cento

Istituto Comprensivo Il Guercino: la Giornata della Memoria

DiGiuliano Monari

Gen 25, 2016
Share

giornata memoriaL’Istituto comprensivo “Il Guercino” in collaborazione con Il Comune di Cento ha organizzato per le scuole del comune una giornata di commemorazione presso la ‘Pandurera’ di Cento, in occasione della giornata della memoria proclamata a livello internazionale per il 27 gennaio con risoluzione dell’Onu 60/7 nel 2005. L’Italia aveva anticipato tale ricorrenza nel 2000 con la legge 211 che stabilisce le finalità e le celebrazioni della giornata della memoria. Viene scelta come data il 27 gennaio in quanto in tale giorno vengono aperti i cancelli di Auschwitz. All’incontro hanno partecipato 17 classi dell’Istituto Comprensivo “Il Guercino”, 2 classi dell’IC 3 di Renazzo, 2 Classi dell’IC 4 di Buonacompra e una classe del Liceo “Cevolani”.

Dopo il saluto agli ospiti della Dirigente Anna Tassinari e dell’Assessore Maria Rolfini, sono intervenuti come relatori:

il Dirigente Scolastico Mauro Borsarini, dell’Associazione Nazionale Ex Deportati, il Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Ferrara, Rav Luciano Meir Caro, la scrittrice centese Tiziana Galuppi, esperta di storia del ghetto ebraico di Cento. Il dirigente Borsarini ha presentato filmati del campo di concentramento di Auschwitz con una sovrapposizione di immagini ieri/oggi evidenziando come il cammino dei deportati scesi dai treni fosse per gli stessi un cammino verso l’ignoto quando in realtà, per vecchi, donne e bambini era un cammino verso la morte.

Molto commovente il racconto in prima persona del Rabbino Capo della Comunità Ebraica, Luciano Meir Caro, che ha raccontato episodi della sua infanzia in cui lo scappare da un luogo all’altro era vissuto quasi come un gioco, con bambini che non erano consapevoli della drammaticità di quanto stesse accadendo e con adulti increduli che cercavano di trasmettere sicurezza. Il padre che ribadiva la sua nazionalità italiana, convinto fino all’ultimo che il “brutto periodo” sarebbe finito, non è tornato da Auschwitz.

La scrittrice centese Galuppi si è soffermata sulla storia degli ebrei a Cento e sullo sviluppo del ghetto centese presentando un excursus storico che ha fornito interessanti spaccati di storia mondiale intersecati con squarci storici della realtà centese.

Gli interventi sono stati intervallati dalla lettura di poesie e di testi di significativi, letti da alunni delle classi quinte della Primaria e alunni della Secondaria. L’alunno della classe III C Edoardo Beccati ha elaborato un power point con immagini e testi che sono stati proiettati nel corso della conferenza. Tutti i relatori hanno fatto riflettere sulla correlazione con i fatti storici del presente, che non si possono ignorare con un indifferente disinteresse come se non ci riguardassero, per cui questo momento è stato ancor di più un’occasione di riflessione importante per tutti i presenti.

All’interno degli istituti verranno svolte altre attività di riflessione con incontri e proiezioni di film e documentari.

Share

Lascia un commento