• Sab. Mag 21st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: L’UNPLI regionale manda gli ispettori alla Pro Loco centese

DiGiuliano Monari

Lug 31, 2014

stefano ferrariDi Giuliano Monari

E’ una strana estate quella centese che, se dal punto di vista meteorologico non scalda quasi per niente, sul piano associativo invece il ‘caldo’ si fa sentire. Eccome! A fare notizia e surriscaldare il clima ci pensa l’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italiaregionale. In arrivo infatti, per la Pro Loco di Cento, una visita ispettiva commissariale dell’Unpli regionale, “per verificare la regolarità degli atti assunti dall’associazione centese”. Lo ha deliberato all’unanimità il consiglio dell’Unpli regionale, riunito sabato scorso a Bologna: erano presenti 22 consiglieri regionali su 30 e tra gli assenti il presidente della Pro Loco di Cento e consigliere regionale Unpli Daniele Rubino. Al sesto punto dell’ordine del giorno dell’incontro, la discussione e “l’analisi sui comportamenti tenuti da due consiglieri regionali, appunto Rubino e il consigliere Tartari, e a seguire il voto sui relativi provvedimenti da prendere. A fornire gli elementi di discussione è stato il presidente Unpli regionale Stefano Ferrari con una relazione scritta. Convinto che «il lavoro e l’impegno del Comitato regionale abbia raggiunto gli obiettivi e gli equilibri necessari tesi alla valorizzazione dei comitati provinciali e relative Pro Loco», facendo diventare Unpli «una realtà sempre più protagonista istituzionale in regione e nel sistema Unpli nazionale», Ferrari ha riferito al consiglio: «C’è purtroppo qualcuno che, per motivi che nulla hanno a che vedere con il mondo Pro Loco, cerca di demolire e distruggere». Votata quindi all’unanimità «una visita ispettiva commissariale straordinaria, condotta da due consiglieri regionali nominati commissari ad acta, da eseguire nella sede della Pro Loco di Cento per la verifica della regolarità degli atti. Una visita volta a salvaguardare l’onorabilità e il buon nome di tutta l’Unpli».

Nella foto Stefano Ferrari

Lascia un commento