• Lun. Ago 15th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: Screening sierologico rapido: otto le farmacie coinvolte

DiGiuliano Monari

Ott 20, 2020

La Regione Emilia-Romagna ha attivato lo screening su base volontaria, con test sierologici rapidi (pungi dito)da eseguire in farmacia, per la ricerca degli anticorpi anti SARS-CoV-2.

A Cento sono otto le farmacie (Farmacia Cantelli, Lodi, e Ghini a Cento, Farmacia Paganelli e San Sebastiano a Renazzo, Farmacia Accorsi a Casumaro, Farmacia Santa Chiara a XII Morelli, Farmacia San Giorgio a Corporeno) dove è possibile effettuare il test, ma solo dopo aver preso l’appuntamento e dunque scongiurare il problema degli assembramenti.

L’utilizzo di test sierologici rapidi, effettuati quindi su campioni di sangue capillare (pungidito), permette di identificare se le persone sono entrate in contatto con il virus.

Lo screening sierologico in farmacia è gratuito e si rivolge ai genitori dei bambini e degli alunni/studenti (0-18 anni e maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore).

E’ previsto anche per i fratelli e le sorelle degli alunni o studenti, nonché per ulteriori familiari conviventi, previo consenso dei genitori o dei soggetti affidatari dei minori.

I cittadini che rientrano nel target sopra indicato possono accedere al servizio offerto solo nel caso abbiano l’assistenza sanitaria in Regione con scelta del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta.

L’esecuzione del test sierologico rapido, lo ripetiamo, deve avvenire previo appuntamento. Al cittadino che aderirà verranno illustrate le finalità del progetto, sarà consegnata un’apposita informativa e fornite adeguate istruzioni.

Questo tipo di test è uno strumento per rafforzare l’azione di prevenzione e controllo del COVID-19 poiché, in caso di positività al test, il cittadino sarà contattato dai Dipartimenti di sanità pubblica dell’Asl per eseguire, in un secondo momento,  il tampone nasofaringeo che potrà rilevare con l’eventuale presenza del virus. Ciò consentirà di individuare le persone che hanno contratto il virus e sono asintomatiche e conseguentemente di impedire la nascita di focolai di COVID-19 nel mondo scolastico.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento