• Mer. Dic 7th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Cento: splendida iniziativa dei giovani del territorio in favore delle popolazioni colpite dal terremoto

DiMarco Cevolani

Ago 29, 2016

14182636_10210496731725353_1504969451_n

Di Marco Cevolani

Alcuni giovani del nostro comune, dopo aver appreso la notizia del sisma in centro Italia hanno pensato che fosse impossibile rimanere a guardare, soprattutto dopo aver vissuto una tale tragedia sulla propria pelle. 

Nell’ambito dell’associazionismo giovanile alcuni di essi si sono attivati per mettere in piedi qualcosa che potesse essere utile. Nei primi momenti hanno pensato ad una raccolta materiale da destinare a chi, purtroppo tanti, ha perso la propria casa. Con diverse chiamate si è cercato di coinvolgere tutto il tessuto dell’associazionismo centese e non solo, e tramite Facebook i singoli cittadini che avevano voglia di contribuire. Si è da subito costituito un gruppo formato da una quindicina di volontari che sono stati poi coloro che hanno presenziato nelle piazze nella giornata di domenica. Sono stati raccolti più di un centinaio di scatoloni portati poi a Mirabello, alla sede della Protezione Civile, dove viene raccolto tutto il materiale dell’alto ferrarese. L’iniziativa è nata in maniera spontanea, dal basso, e con tutti coloro che volevano mettersi in campo per essere parte attiva nell’aiuto alle popolazioni terremotate. Ora si sta ragionando anche su un possibile intervento sul territorio colpito con qualche volontario disponibile a fare ciò di cui ci sarà bisogno nel periodo futuro. Questa iniziativa è ancora in stato embrionale visto che occorrerà prendere contatto con gli organi competenti presenti sul posto. 14137691_10210496719165039_1200236777_n

“Attendiamo ancora – queste le parole di questi meravigliosi ragazzi –  visto che ora i lavori sono ancora molto animati e c’è tanto ancora da fare, non vorremo diventare un problema piuttosto che una risorsa. Se ci sarà l’occasione saremo pronti anche ad intervenire sul campo. Seppure si tratta di un  piccolo gesto – concludono –  speriamo che possa diventare qualcosa di più grande, assieme a tutta la meravigliosa mobilitazione dell’Italia intera.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.