• Gio. Dic 1st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

piazza guercino

La Regione ha dato il via libera alle modifiche al Piano Organico, ovvero i fondi destinati alla rivitalizzazione dei centri storici, chieste dal sindaco di Cento Fabrizio Toselli, che venerdì 19 agosto si è recato negli uffici di viale Aldo Moro.

Le proposte, accolte, ridisegneranno il cuore della città, puntando all’obiettivo del decoro e della vivibilità. La gran parte delle risorse, oltre 900mila euro dei 950mila, saranno destinate al rifacimento della pavimentazione, ampliando il progetto che la precedente amministrazione comunale aveva ristretto alla piazza e a corso Guercino.

«Ciò sarà possibile grazie ai risparmi che consentiranno le nuove scelte: prima fra tutte la destinazione della Rocca, che non sarà più adibita a biblioteca, ma entrerà a far parte di un percorso museale ed espositivo – spiega il primo cittadino -. Metteremo dunque mano anche alla pavimentazione delle vie Matteotti, Malagodi, Cremonino, Ugo Bassi, viale Jolanda nella parte finale e via Donati, lasciando aperti altri possibili interventi grazie all’impiego di economie. A confermare, peraltro, che non esistono strade di ‘serie A’ e  strade di ‘serie B’».

Se è confermata la riqualificazione dell’impianto di illuminazione a led, già in corso, non si darà invece seguito all’abbattimento della cancellata delle Pascoli. «Abbiamo fatto chiarezza – afferma Toselli – sulla nostra intenzione di recuperare completamente l’edificio e farlo tornare alla sua funzione di scuola». A tal proposito, la Regione ha confermato l’intenzione di rivedere l’entità del contributo per i lavori sull’istituto scolastico, confermando d’altra parte i fondi per il pagamento dell’affitto delle scuole di Corporeno sino al completamento dell’opera, ora definita con certezza.

In tema di biblioteca il Comune ha inoltre ottenuto di essere soggetto attuatore dei lavori di ripristino di Palazzo Scarselli (sede precedente al terremoto), per cui vi è l’impegno a individuare i finanziamenti in tempi medio brevi.

Sempre per quanto riguarda il centro storico, è stato approvato con prescrizioni il progetto preliminare del municipio: il costo dell’opera è di circa tre milioni di euro e la Regione si è detta concorde nel farvi confluire le economie di altri interventi per giungere alla somma necessaria ad effettuare i lavori in un’unica soluzione.

«Siamo soddisfatti dei risultati che stiamo ottenendo, nell’ottica di dare corso alla programmazione proposta in campagna elettorale – conclude il sindaco -. Riteniamo di aver individuato un disegno che consenta di dar corso a interventi più completi, anziché a una progettazione a spot, senz’altro meno efficace».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.