• Ven. Gen 21st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Covid – 19 come influenzerà le imprese ferraresi? Le richieste di Ascom Confcommercio Ferrara alle Istituzioni

DiGiuliano Monari

Mar 11, 2020

“La Confcommercio, con gli interventi mirati del nostro presidente Carlo Sangalli, ha definito alcune linee di intervento per fronteggiare questa emergenza – come spiega in sintesi il presidente provinciale di Ascom Confcommercio Ferrara, Giulio Felloni – tra  queste le richieste per la proroga o meglio la sospensione del pagamento delle tasse (e quindi più in generale delle scadenze fiscali e contributive); la moratoria dei mutui, delle bollette (gas. luce, acqua, rifiuti, telefono…), l’attivazione del fondo centrale di garanzia; l’utilizzazione degli strumenti di cassa integrazione e del fondo di integrazione salariale in favore dei dipendenti di micro e piccole imprese; un sistema di indennità per i lavoratori autonomi. Si tratta di un momento complesso – aggiunge Felloni – che richiede un intervento tempestivo e concreto delle Istituzioni. Alla politica di contenimento sanitario – con tanti commercianti che con senso di responsabilità e con grandi sacrifici chiudono le loro attività per dare un contributo per fronteggiare questa emergenza –  va accompagnata una strategia complessiva di forte sostegno alle piccole e medie imprese del Terziario”. 
E’ anche il momento per fare un primo bilancio per lo sportello Pronto Ascom, operativo dal 9 marzo: sono centinaia le imprese di Ferrara e provincia che stanno ponendo quesiti con particolare attenzione al mondo dei lavoro ed alla gestione del personale: sono queste in estrema sintesi le principali richieste che stanno intasando il 0532.234234 ossia il numero dedicato dall’Associazione e messo a disposizione delle aziende del territorio (esiste anche una casella di posta elettronica dedicata prontoascom@ascomfe.it). 

Le richieste toccano tutti gli argomenti di stringente attualità: dal come far rispettare la distanza di sicurezza tra un cliente e l’altro (un metro almeno) e più in generale sulle forme di di sicurezza e di rispetto della salubrità di dipendenti e del pubblico od  ancora gli orari di apertura e chiusura di bar e ristoranti od ancora i rapporti e le dilazioni di pagamento con i fornitori ed in questo la gestione dei mutui e dei contratti di affitto. Si tratta di informazioni e delucidazioni che ovviamente prendono riferimento dai decreti ufficiali (nazionali, regionali) che in questo momento si succedono a ritmo incalzante e quindi è necessario contestualizzare ogni riferimento perché le regole cambiano continuamente.    

Lascia un commento