• Mer. Feb 1st, 2023

Il primo giornale telematico di Cento

FERRARA: Cittadinanza onoraria alla Guardia di Finanza

DiGuardia di Finanza

Dic 1, 2022

Discorso del Comandante Regionale in occasione del conferimento della “cittadinanza onoraria” della città di Ferrara al Corpo della Guardia di Finanza

in data 30.11.2022.

UN SENTITO RINGRAZIAMENTO A TUTTE LE AUTORITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE E A TUTTI I CITTADINI PRESENTI OGGI NELLA SALA DI QUESTO CONSIGLIO COMUNALE, IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA “CITTADINANZA ONORARIA” DELLA CITTÀ DI FERRARA, ALLA GUARDIA DI FINANZA E AI CARABINIERI.

CONSENTITEMI, ANCHE A NOME DEL COMANDANTE GENERALE, DI ESPRIMERE UNO SPECIALE RINGRAZIAMENTO AL SINDACO E A TUTTA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, PER QUESTO PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO.

È UN GESTO CHE CI RENDE PROFONDAMENTE ORGOGLIOSI PERCHÉ SANCISCE IL FORTE LEGAME CHE UNISCE LA GUARDIA DI FINANZA A QUESTA TERRA, OPEROSA, VIVA, ECONOMICAMENTE SOLIDA OVE, MI PIACE SOTTOLINEARLO, IL SENSO CIVICO E SOCIALE DELLA COLLABORAZIONE DEL CITTADINO, IL VOLONTARIATO, L’EFFICIENZA SONO UNA CONCRETA, ESALTANTE E POSITIVA REALTA’.

È NOSTRO COMPITO PROTEGGERE QUESTO TERRITORIO.

LO ABBIAMO FATTO CON DETERMINAZIONE ANCHE NEL PERIODO DEL LOCKDOWN, DURANTE IL QUALE ABBIAMO CONTINUATO A PRESIDIARE GLI INTERESSI NAZIONALI E LE LIBERTA’ ECONOMICHE COSTITUZIONALMENTE GARANTITE, INTERVENENDO CON DECISIONE SUI FENOMENI MAGGIORMENTE LESIVI PER IL SISTEMA ECONOMICO, PESANTEMENTE INCISO DAGLI ACCADIMENTI DEGLI ULTIMI ANNI, CHE MAI COME PRIMA HANNO MESSO ALLA PROVA LA NOSTRA IDEA DI NORMALITA’, DI VITA PUBBLICA E SOCIALE.

SE DA UN LATO POSSIAMO AFFERMARE CHE NESSUNO DI NOI ERA ALLENATO ALLO STRESS DA COVID, DALL’ALTRA POSSIAMO DIRE CHE QUANDO UNA COMUNITA’ IN DIFFICOLTA’ SI TROVA AD AFFRONTARE UNA SITUAZIONE CRITICA EMERGE E SI CONSOLIDA LA FORZA DELLA SOLIDARIETA’.

DURANTE QUESTO PERIODO PARTICOLARE LA NOSTRA FORZA E’ STATA LA NOSTRA UNIONE. NE SIAMO CONSAPEVOLI ANCHE ADESSO CHE L’EMERGENZA E’ VENUTA MENO, LE PORTE DELLE CASE SI SONO APERTE E TUTTI NOI CI RIVERSIAMO FIDUCIOSI NELLE VIE E NELLE PIAZZE DEL NOSTRO SPLENDIDO PAESE, DI QUESTA AFFASCINANTE CITTA’.

IL PREZZO DELLA CRIMINALITA’ ECONOMICO-FINANZIARIA LO PAGHIAMO TUTTI, ANCHE LE GENERAZIONI FUTURE. APPREZZARE IL NOSTRO LAVORO SIGNIFICA CONDIVIDERE LA LOTTA DI CHI SI IMPEGNA PER EVITARE CHE I SOLDI PUBBLICI, DESTINATI A SOSTENERE LE FAMIGLIE E L’OCCUPAZIONE, SIANO SOTTRATTI AI VERI POVERI, PER RECUPERARE DAI CITTADINI FISCALMENTE DISONESTI SOLDI DA DESTINARE ALLA COSTRUZIONE DI SCUOLE, AL PAGAMENTO DELLE PENSIONI, A SOSTENERE IL SISTEMA SANITARIO, PER IMPEDIRE ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA DI INFILTRARSI NEI GANGLI DELL’INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA, DEI MERCATI E DEI TESSUTI ECONOMICO- PRODUTTIVI.

IL NOSTRO COMPITO E’ QUELLO DI PRESERVARE E DIFENDERE IL TERRITORIO DA QUESTE AGGRESSIONI CRIMINALI.

MENTRE IL NOSTRO PAESE COMBATTEVA CONTRO LA PANDEMIA, LA GENTE MORIVA O FINIVA IN TERAPIA INTENSIVA, E CENTINAIA DI ATTIVITÀ COMMERCIALI E IMPRESE CHIUDEVANO UNA DOPO L’ALTRA, C’ERA CHI FACEVA SOLDI A PALATE E RIDEVA DELLE DISGRAZIE COLLETTIVE; IN BALLO SOLDI, TANTI SOLDI PER AIUTARE LE ATTIVITÀ IN DIFFICOLTÀ.

UNA PARTICOLARE ATTENZIONE INVESTIGATIVA, RIVOLTA AL CONTRASTO DI TALI FENOMENI, HA CONSENTITO DI INDIVIDUARE IN REGIONE ANCHE UNA MAXI FRODE PARI AD OLTRE 439,6 MILIONI DI EURO DI CREDITI FISCALI FITTIZI/NON SPETTANTI, DI ESEGUIRE 35 MISURE CAUTELARI, SEQUESTRARE BENI MOBILI ED IMMOBILI PER COMPLESSIVI 342 MILIONI DI EURO.

STIAMO INTENSIFICANDO ULTERIORMENTE L’IMPEGNO CONTRO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, SOPRATTUTTO CON INVESTIGAZIONI INCENTRATE SULL’ANALISI DI DATI E SULLE INDAGINI PATRIMONIALI NONCHE’ A TUTELA DEL MADE IN ITALY CUI LA GUARDIA DI FINANZA DEDICA COSTANTE ATTENZIONE. LA NATURA DEI PROBLEMI SUL TAPPETO RENDE ILLUSORIO PENSARE DI FARCELA DA SOLI. QUANDO SI HA UNA GRANDE RESPONSABILITA’, LA SICUREZZA ECONOMICO – FINANZIARIA DEI CITTADINI, SI DEVONO FARE GRANDI SCOMMESSE. PER CONTINUARE A CRESCERE È NECESSARIO ESSERE COMPETITIVI, PER ESSERE COMPETITIVI BISOGNA SAPER CAMBIARE, APRIRSI E NON CHIUDERSI IN SÉ STESSI.

IL DIALOGO COSTRUTTIVO, AVVIATO, CON ENTI LOCALI, INCLUSI IL COMUNE E L’UNIVERSITA’ DI FERRARA, AFFINCHE’ L’IMPEGNO CONTRO LA CRIMINALITA’ ECONOMICA E FINANZIARIA ED OGNI ALTRA FORMA DI ILLEGALITA’ DIVENTI UN OBIETTIVO SEMPRE PIU’ SOCIALMENTE CONDIVISO, STA GIA’ DANDO E SEMPRE PIU’ DARA’ I SUOI FRUTTI.

CONSCI CHE IL NOSTRO MESTIERE CI CONSENTE DI POTER INCIDERE ANCHE SULLE ENTRATE ED USCITE DELLO STATO, AUMENTANDOLE E TUTELANDOLE, IL NOSTRO FINE ULTIMO DEVE ESSERE ANCHE QUELLO DI POTER FAR RIALZARE LO SGUARDO ALLE TANTE FAMIGLIE CHE TUTTORA CE L’HANNO BASSO, DI POTER REGALARE UN SORRISO A CHI HA PERSO LA FIDUCIA NEL FUTURO, DI RESTITUIRE LA SPERANZA AI GIOVANI.

LA LOTTA ALLE FRODI FISCALI INTERNAZIONALI, AGLI SPERPERI DI DENARO PUBBLICO, AL RICICLAGGIO, ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA, RAPPRESENTANO IMPORTANTI STRUMENTI PER CONTRIBUIRE ALLA CRESCITA DEL NOSTRO MERAVIGLIOSO PAESE, DOBBIAMO FARE FINO IN FONDO LA NOSTRA PARTE PER CONSEGNARE ALLE GENERAZIONI FUTURE UNA SOCIETA’ PIU’ EQUA E PIU’ GIUSTA.

SE OGNUNO DI NOI FA QUALCOSA, AMAVA DIRE DON PUGLISI, ALLORA SI PUO’ FARE MOLTO.