• Ven. Gen 28th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Il Partito Democratico di Cento saluta con piacere il recente arrivo di Monica Calamai alla direzione dell’Azienda USL di Ferrara di Paola Bardasi alla direzione dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Ferrara

DiGiuliano Monari

Lug 16, 2020

Il Partito Democratico di Cento saluta con piacere il recente arrivo di Monica Calamai alla direzione dell’Azienda USL di Ferrara di Paola Bardasi alla direzione dell’Azienda
Ospedaliera-Universitaria di Ferrara. Il mandato che la Regione E-R ha dato alla nuova dirigenza è piuttosto impegnativo, l’unificazione delle due aziende sanitarie è complesso e le scelte effettuate porteranno inevitabilmente ad una riorganizzazione che ci si augura sia sempre condiviso con le rappresentanze istituzionali dei territori e sindacali dei lavoratori.

In particolare siamo sicuri che la futura riorganizzazione dell’Ospedale di Cento non potrà prescindere dalla considerazione che il SS. Annunziata è oggi l’ospedale di riferimento per tutto il distretto ovest (Cento, Bondeno, Terre del Reno, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda) oltre che per alcuni comuni bolognesi e modenesi con un bacino d’utenza che è complessivamente stimato in circa 80mila persone.

L’offerta sanitaria che il SS. Annunziata oggi offre è ampia: Pronto Soccorso, Cardiologia, Chirurgia, Medicina, Ortopedia, Ostetricia e Ginecologia con punto nascita, Urologia, Terapia Intensiva, Unità Coronarica, Riabilitazione, Lungodegenza, Oncologia e il poliambulatorio specialistico. Tutte queste specializzazioni sono in effetti espressione degli ottimi professionisti sanitari (medici, infermieri, OSS) che forniscono le prestazioni sanitarie specialistiche. ed è anche il frutto del sinergico lavoro di altre figure professionali altrettanto importanti per il corretto funzionamento dell’ospedale (personale amministrativo, tecnici, operatori per la pulizia, ecc).

E’ importante perciò che la riorganizzazione dell’offerta sanitaria prevista dall’unificazione delle due aziende (USL e Ospedaliera Universitaria) non perda di vista quindi che le scelte che saranno effettuate ricadranno sulle persone: professionisti e utenza.

E’ evidente che l’offerta sanitaria dovrà restare quanto più è possibile diffusa, ed in particolare l’offerta sanitaria del SS. Annunziata dovrà essere salvaguardata, fiduciosi che unire le due aziende non si traduca poi in una centralizzazione dell’offerta sanitaria su Ferrara/Cona a scapito della periferia, che avrebbe un impatto negativo per la popolazione che sarebbe costretta ad aumentare la mobilità per ottenere una risposta al proprio diritto alla salute.

Il PD di Cento rivolge quindi un augurio di buon lavoro alla nuova dirigenza, confidando che oltre alle indubbie necessarie ottimizzazioni economiche, strutturali e di forza lavoro si abbia sempre presente che le scelte finali devono tenere conto in primo luogo della qualità della vita delle persone coinvolte.

PD CENTO

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Clicca su questo link 
per effettuare una donazione, grazie! https://www.gofundme.com/f/sostieni-areacentese-giornale-online-di-cento 

Lascia un commento