• Mar. Gen 18th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Il Servizio Psichiatrico Ospedaliero Integrato dell’Ospedale del Delta, dopo l’emergenza Covid, pronto a ripartire con la sua funzione originaria dedicata ai pazienti psichiatrici

DiGiuliano Monari

Giu 12, 2020


Anche gli Operatori del Servizio Psichiatrico Ospedaliero Integrato dell’Ospedale del Delta (SPOI) hanno contribuito alla gestione dei pazienti COVID 19 + durante la fase epidemica.

L’emergenza sanitaria di questi mesi ha richiesto, infatti, una trasformazione degli spazi dedicati allo SPOI e delle attività svolte dal personale sanitario.

Lo SPOI del Delta  nel corso di questi mesi è diventato temporaneamente una “Residenza COVID” per pazienti positivi al virus, clinicamente guariti, che però non potevano rientrare al domicilio, contribuendo in questo modo ad aumentare le disponibilità di posti letto sul territorio provinciale.

Un cambiamento che ha determinato un importante impegno anche per gli stessi professionisti che si sono trovati ad assistere nuove tipologie di pazienti. E proprio per questo la direzione del Dipartimento di salute mentale, la direzione medica dell’Ospedale, la direzione infermieristica del dipartimento e dell’Ospedale del Delta, hanno condiviso in modo costante e continuativo, con il personale di assistenza dello SPOI le diverse fasi di attività e qualificazione che hanno coinvolto il servizio di degenza psichiatrica nell’ultimo periodo.

Nell’ultimo periodo con la riduzione importante dei pazienti COVID positivi – già nel corso del mese di maggio – la direzione aziendale ha dato disposizione che già ai primi di giugno il Servizio Psichiatrico Ospedaliero integrato (SPOI) dell’Ospedale del Delta tornasse alla sua funzione originaria dedicata a pazienti psichiatrici seguiti dal Dipartimento di Salute mentale e dipendenze patologiche.

Per la lunga sospensione dei ricoveri “specialistici” psichiatrici per l’emergenza COVID e della necessità di adottare anche in questa struttura le necessarie precauzioni post-covid, è stato stabilito un intervallo di tempo da dedicare all’aggiornamento dei protocolli, così come  alla qualificazione e definizione della tipologia dei pazienti da ammettere alla struttura, in attesa che si riparta con l’assistenza ai pazienti psichiatrici, programmata entro la fine di giugno.

Anche questa riconversione è una nuova tappa verso il ritorno dell’Ospedale del Delta a Ospedale Covid FREE.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Clicca su questo link 
per effettuare una donazione, grazie! https://www.gofundme.com/f/sostieni-areacentese-giornale-online-di-cento 

Lascia un commento