• Ven. Gen 21st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

LETTERA AL DIRETTORE: “La rampa del Ponte Nuovo va sistemata”

DiGiuliano Monari

Ago 24, 2020

Direttore buongiorno,

le scrivo queste poche righe in risposta all’articolo riferito alla chiusura del Ponte Vecchio per intervento di ripristino manto stradale.

Siamo cittadini residenti in Via Ariosto ma i nostri appartamenti affacciano sulla rampa del ponte nuovo di Via Bologna. La nostra esasperazione è arrivata a livelli inimmaginabili in quanto ogni qualvolta transitano, sul tratto di rampa attiguo a casa nostra, autoarticolati e mezzi agricoli ci trema la casa sia di giorno che di notte.

Il manto stradale è ridotto in pessime condizioni, rammento che la situazione si è aggravata notevolmente dopo la grande nevicata del 2012. Da allora solo piccoli interventi di riparazione “spot” con catrame per mezzo di “badilate” che alla prima pioggia si stacca con grande facilità.

Se non vado errato diversi mesi fa il nostro sindaco aveva rilasciato un intervista nella quale comunicava che erano stati stanziati i fondi per interventi “urgenti” di asfaltatura nel tratto che andava da Via Bologna (dal tratto intersezione con Via Santa Liberata) fino alla rampa del ponte stesso.

A tutt’oggi nulla di ciò è stato fatto. È altresì vero che c’è stata l’emergenza Covid e di conseguenza il fermo dei cantieri, ma ora è arrivato il momento che qualcuno prenda seriamente a mano la cosa. Specialmente di notte gli autoarticolati sfrecciano a forte velocità e il rumore ci sveglia.

La ringrazio per l’attenzione dedicata alla lettura e mi/ci auguriamo di tutto cuore che il problema si risolva nel minor tempo possibile. Siamo intenzionati, eventualmente, a fare intervenire le autorità competenti al fine di far eseguire delle misurazioni relative al rumore stradale in conformità a quanto previsto dal DM 16/03/98.

Non ne possiamo davvero più.

Grazie.

Cordiali saluti. Marco Gruppi

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento