• Lun. Dic 5th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Rinascita Nazionalista: “vicini ai sindaci che rifiutano l’imposizione dei migranti”

DiGiuliano Monari

Nov 5, 2016

“E’ ineccepibile – si lege in una nota a firma del presidente del movimento Giuseppe Vista – come si continui a voler ospitare clandestini, mettendo sulla gogna tutti i sindaci e i cittadini che non li vogliono, e non li vogliono non perché sono razzisti, ma semplicemente perché sono clandestini ! Sono persone che una volta portate nei centri o nelle strutture, sono destinate a non far nulla, a nostre spese in attesa di una richiesta di asilo che non si sa se gli verrà riconosciuta oppure no, e se nel caso non dovesse essergli riconosciuta, sanno bene come fare ricorso e così passano altri anni.

Se fossero veramente rifugiati di guerra, come vogliono farci credere, nessuno si opporrebbe, gli Italiani hanno un cuore grande, ma non per questo debbano essere raggirati da un sistema malato e marcio.

Senza contare contare poi che oggi, in maniera particolare, abbiamo altre priorità, e queste priorità si chiamano terremotati. Non è possibile che si faccia di tutto per sistemare chi non avrebbe nemmeno diritto di essere in Italia, di chi sfrutta le leggi di questo sistema per fare i porci comodi, e non si pensi di dare accoglienza ai terremotati, che sono costretti a dormire nei vagoni dei treni, famiglie intere che, se avessero chi li accoglie, accetterebbero volentieri, pur di trovare un po di pace. Ad oggi nessun invito, nessuna disponibilità di accoglienza verso gli Italiani è giunta, ne dalla regione, ne dai comuni, anche se i cittadini non chiedono altro.

Rinascita Nazionalista è vicino a tutti i cittadini e i sindaci che rifiutano questa imposizione, siamo pronti a dargli il nostro supporto. Venerdì parteciperemo al corteo organizzato a Ferrara, per manifestare il nostro dissenso a questa situazione, e lo faremo insieme a tutti gli Italiani stanchi di subire un falso buonismo, ipocrita. E’ ora che aprano gli occhi e capiscano che non se ne può più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.