• Ven. Dic 2nd, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Successo in Pandurera per “Babbo Natale e la pozione delle 13 erbe” – Il back-stage e l’intervista

DiMariarita Atti

Dic 9, 2016

di Mariarita Atti.

Cento 8 dicembre 2016. In una giornata ricchissima di appuntamenti che hanno vestito a festa la nostra città, facendo già assaporare la magica atmosfera delle Feste, presso il teatro Pandurera di Cento è stata presentata la commedia musicale “Babbo Natale e la pozione delle 13 erbe“, prima tappa di un tour nazionale che interesserà 11 Città del nord Italia.

Un fantasy in stile musical per piccoli, ma  apprezzato anche dagli adulti, portato in scena dalla Fondazione Aida e da Ricola, con la regia di Raffaele Latagliata, attore e regista di teatro di prosa e musicale, e direttore artistico di Ars. Creazione e Spettacolo insieme a Federica Restani.

Sul palcoscenico i quattro attori selezionati tra oltre duecento provenienti da tutta Italia: Carlo Alberto Montori (Babbo Natale e Gnomo saggio), Marco Gabrielli (Nikolas), Danny Bignotti (Renna Rudolf) e Agnese Falongo (Tormenta e Dora).

Lo spettacolo si avvale inoltre della partecipazione straordinaria dei due danzatori Elisa Cipriani e Luca Condello, solisti del corpo di ballo della Fondazione Arena di Verona. 

Il musical natalizio ha condotto gli spettatori in un viaggio magico e avventuroso alla scoperta del laboratorio segreto di Babbo Natale, dei boschi incantanti della Svizzera e del Polo Nord, fino al palazzo di ghiaccio della Regina Tormenta.

La trama ha coinvolto i piccoli spettatori in sala che, in più occasioni, hanno interagito con gli attori, creando simpatici momenti.

Spettacolo esuberante con trama e canzoni completamente originali, ma sempre nel rispetto della tradizione e della magica atmosfera del Natale ed un testo intelligente e delicato, scritto a quattro mani dallo stesso Latagliata insieme a Pino Costalunga, attore, regista ed esperto di letteratura per ragazzi: partendo dalla storia di Babbo Natale sono state affrontate tematiche ecologiche quali l’inquinamento ed il surriscaldamento del pianeta, affidando ai bambini il saggio proponimento di prendersi “cura del mondo, facendo la propria parte”.

Un lieto fine che porta anche la Regina cattiva , dal “cuore gelato” per il dolore della perdita del figlio, a diventare buona quando lo ritrova .

Simpatiche e suggestive scenografie, costumi fantasiosi e di grande effetto, coreografie e musiche coinvolgenti ( originali di Laura Facci), insieme alla delicatezza e leggerezza dei due danzatori, rendono questo musical estremamente piacevole ed educativo, oltre ad avvicinare ed abituare i giovanissimi al teatro.

Al termine dello spettacolo, un simpatico e giallo “Mister Ricola” ha offerto ai bambini le omonime caramelle alle erbe officinali svizzere .