L’Editoriale di Giuliano Monari: “Rischiamo di morire più di ‘nero’ che di COVID-19”

Visite: 768

Di Giuliano Monari – questa emergenza sembra avere scardinato i forzieri di tutta Europa. Si stanziano ogni giorno milioni di euro (speriamo che prima o poi si possano anche toccare con mano), si emanano decreti su decreti, DPCM per l’esattezza, si fanno centinaia di videoconferenze, si interpellano esperti di tutto e di niente, si assicura che nessuno sarà lasciato da solo (frase già sentita centinaia di volte dopo le immani tragedie dei terremoti anche recenti), si blatera di aiuti di qua e di la, ma, ci si dimentica che, in questo Stivale, la popolazione non è tutta del ‘genere’ tutele e ammortizzatori sociali; ci sono migliaia di famiglie che campano di precariato, di lavoro nero o sommerso, che campano alla giornata, di contratti di qualche mese, di stagionalità e di espedienti per mettere insieme il pranzo con la cena. Ebbene, queste persone sono la parte più fragile del tessuto sociale italiano che, assieme alle ‘partite IVA’ e ai disabili, se non si pensa a loro, in fretta, rischiano di fare crollare la tenuta sociale. A queste persone, a queste famiglie, unitamente a quello che già si sta giustamente facendo, il Governo dovrebbe prestare grande attenzione, per non rischiare una deriva pericolosissima verso un generale impoverimento fuori controllo. Perchè dopo, sarebbe troppo tardi. 



Share Button

Share

Lascia un commento