• Ven. Lug 1st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

A Pieve la prima edizione del “Primo Premio Tasi e Barbaspen alla miglior parata carnevalesca” – Raffaella Toselli: “i Carristi centesi vanno a Pieve perchè boicottati dalla Pro Loco di Cento” – Le sfilate il 29 e 30 agosto

DiGiuliano Monari

Lug 9, 2014

associazione carristi centesi Di Giuliano Monari

Nelle serate del 29 e 30 agosto a Pieve di Cento si terrà la Prima edizione del ‘Primo Premio Tasi e Barbaspen alla miglior parata carnevalesca’. Ad annunciarlo è stata la Presidente dell’Associazione Carristi Centesi Raffaella Toselli che ha spiegato anche le ragioni che hanno spinto l’Associazione che annovera 5 delle 6 Società Carnevalesche centesi, a rivolgersi oltre Reno per la realizzazione di questo carnevale estivo. 

Tra Cento e Pieve di Cento corre buon sangue e, pur tra qualche sana e storica, campanilistica rivalità, ora, oltre al Fiume Reno che divide ‘fisicamente’ le due città, corre anche il fiume della collaborazione; infatti, la neonata Associazione Carristi Centesi ha allacciato una collaborazione storica che consentirà, per la prima volta, di sentire le campane dei due campanili suonare la stessa musica: quella del carnevale. Mi si passi questo accostamento tra il sacro e il profano, ma l’avvenimento presentato oggi in conferenza stampa ha tutti i crismi dell’eccezionalità, che apre la strada ad una sempre più ampia cooperazione tra le due realtà per valorizzare e promuovere il territorio sotto una unica bandiera, quella della collaborazione.

Raffaella Toselli, infatti, ha detto chiaramente che “la volontà dell’Associazione è quella di mantenere vivo il carnevale di Cento che, causa eventi sismici del 2012, sta vivendo momenti di stop che non debbono, comunque, far morire una tradizione di oltre 500 anni”. Con questo spirito è stata costituita l’Associazione e, sempre con le stesse intenzioni, è stato proposto all’Amministrazione Comunale di Cento la realizzazione di una sfilata che coinvolgesse realtà carnevalesche dal ‘Tacco’ fino ai confini nord della Penisola, portando migliaia di persone a Cento in un week-end di festa e colori lungo l’asse Porta Mulina- Rocca, con grande vantaggio per le realtà economiche del centro storico e non. “L’Amministrazione centese, felice dell’iniziativa proposta, – ha detto Toselli – ci ha chiesto di rivolgerci alla Pro Loco per l’organizzazione dell’evento che in origine si sarebbe chiamato ‘Primo Premio Tasi alla miglior parata carnevalesca’. E qui, purtroppo, è arrivata l’amara sorpresa: dopo numerosi rinvii da parte della Pro Loco alle riunioni che avrebbero dovuto vedere coinvolta la stessa Pro Loco e la nostra Associazione, ed inoltre, dopo la mancata risposta ad una nostra lettera con la quale chiedevamo formalmente di esprimere un ‘si’ o un ‘no’ entro una data precisa, in modo da consentire alle associazioni carnevalesche di mezza Italia (tutte e costo zero grazie a sponsor e amicizie tra associazioni) di aderire all’iniziativa, siamo stato costretti a rivolgerci alla Pro Loco di Pieve di Cento che ha aderito in maniera entusiastica alla nostra proposta che, ovviamente, ha cambiato denominazione in ‘Primo Premio Tasi e Barbaspen alla miglior parata carnevalesca’. Quindi, le Associazioni Carnevalesche aderenti all’Associazione Carristi Centesi (Riscatto, Risveglio, Toponi, Mazalora, Ribelli) sfileranno a Pieve di Cento il 29 ed il 30 agosto assieme agli amici pievesi e animeranno la città bolognese con la tipica allegria che il carnevale porta in dote. “30 società carnevalesche d’Italia, e molte altre ci avevano dato – spiega Toselli – piena disponibilità e con loro artisti di fama nazionale; ecco dunque che abbiamo pensato di dare un segnale forte e deciso, un segno che vuole dire chiaramente a tutti: l’Associazione Carristi Centesi va a Pieve perché a Cento non è stata accolta, ma è stata volutamente boicottata in ogni modo dalla Pro Loco di Cento; va a Pieve non perché gli sia indifferente l’appartenenza a Cento, non certo perché Cento, Pieve o Comacchio, un posto valga l’altro per fare festa, ma con la consapevolezza che a volte bisogna andarsene, anche solo per un momento, per voltare le spalle a chi, a spregio della nostra bella città e delle iniziative che vi nascono, persegue i suoi personali tornaconti; per poter tornare poi a casa nostra, nella nostra città, più forti e motivati che mai, guardando con fiducia all’edizione 2015 del Carnevale di Cento, che speriamo con tutto il cuore si possa finalmente realizzare”. Infine un messaggio alla sesta Associazione Carnevalesca che, per ora, non ha aderito alla Associazione Carristi Centesi: “se vogliono, quando lo riterranno opportuno, – spiega Toselli – possono fare domanda per entrare nella nostra Associazione e … saranno i benvenuti”. In chiusura di conferenza è stato annunciato che “questo fatto sarà comunicato all’UNPLI nazionale, perché l’associazione che riunisce le circa 6.000 Pro Loco italiane iscritte deve essere messa a conoscenza del comportamento della Pro Loco di Cento”. Nei progetti dell’Associazione Carristi il ritorno ala grande a Cento l’ano successivo, magari “alternando un anno a Pieve e uno a Cento”.

Lascia un commento