• Mar. Ago 9th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

“ATTIMI DI LUCE” personale dell’artista FRANCESCO PAGLIA

DiGiuliano Monari

Nov 28, 2013

il liceo cevolani esternoIl 30 novembre 2013 alle ore 18:45 inaugura la mostra fotografica “ATTIMI DI LUCE” personale dell’artista
FRANCESCO PAGLIA, introdotta dal critico Giampaolo Trotta, patrocinata dall’Associazione Lyceum e dalla
Fondazione Patrimonio Degli Studi di Cento, presso la Sala “MAZZONIS” con entrata dal Liceo Cevolani, in Corso
Guercino n° 47 – 44042 Cento (FE).
Con questa esposizione, tratta dal multiplo d’arte iMAGO Vol. 1, l’artista ci trasporta in una città immaginaria
che racchiude scorci di spazi architettonici reali, ispirato per ciò che riguarda l’esecuzione alla “Straight
Photography” d’inizio Novecento, e per tematica trae ispirazione e si sviluppa dal romanzo “Le città invisibili” di
Italo Calvino, non una traduzione fotografica, ma la volontà di creare nell’osservatore un suo personale viaggio
emotivo attraverso gli spazi e le immagini che gli appaiono, ponendolo a fulcro centrale con la propria
interpretazione del “reale”.
Si compone di 30 fotografie in bianco e nero ed un dittico, con cui l’artista, attraverso l’uso di vari livelli
compositivi, realizza un’opera di “strati fotografici” in cui riunisce finemente la fotografia digitale e quella
analogica (fotocamera Polaroid iMAGE), sino a comporre un suo personalissimo Ready-Made fotografico, in
bianco e nero.
L’unione di mezzi fotografici quali le fotocamere, la stampa digitale e le fotocamere analogiche non sono un
caso, ma una scelta precisa fatta dall’autore, così come la rielaborazione metaforica del suo libro dove egli
cattura con le sue immagini spazi moderni e ambienti antichi delle città ponendoli in un unicum stilistico.
Un parallelismo che l’artista fà sulla realtà in cui oggi viviamo dove mondo virtuale e reale non hanno più veri
confini, sempre più verso l’idea che questa duplicità si fonda in una, com’é avvenuto per la fotografia in pochi
decenni con l’evoluzione al digitale, dove il “negativo” come opposto visivo della realtà, é andato a perdersi.
Aperta al pubblico dal 1° al 22 dicembre 2013
martedì – giovedì – sabato: ore 16:30 – 18:30
domenica: ore 10:00 – 12:00 e 16:30 – 18:30
Vernissage: 30 novembre ore 18:45

Lascia un commento