• Sab. Dic 3rd, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

BREAKING NEWS: DEVASTANTE TERREMOTO NEL CENTRO ITALIA – la nostra diretta WEB

DiGiuliano Monari

Ago 24, 2016

C_2_articolo_3027289_upiImagepp

DI MARCO CEVOLANI

La terra trema ancora nel centro Italia. Il terremoto avvenuto questa notte nella zona dell’Appennino centrale alle ore 3:36 (ora italiana) ha avuto epicentro in provincia di Rieti (vicino Accumoli) ed ha interessato anche le province di Perugia,Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo. I comuni più vicini all’epicentro sono: Accumoli, Amatrice, Arquata del Tronto.

La magnitudo locale (Richter) del terremoto è pari a 6.0. La magnitudo momento Mw, calcolata con l’analisi delle forme d’onda della Rete Sismica Nazionale, è pari a 6.0.

Amatrice, uno dei paesi più colpiti dall’evento sismico, è quasi completamente rasa al suolo.

Fonte Ansa riporta già un primo bilancio delle vittime, si parla di almeno 13 morti (altre fonti fanno salire a 16 il numero delle vittime). In molte zone si sta scavando fra le macerie. Il Dipartimento della Protezione Civile è in contatto con tutti i territori colpiti dal sisma, come ad Amatrice (Rieti), dove si stanno dirigendo i mezzi speciali. Attivi i numeri del contact center della Protezione Civile: 800840840 e della sala operativa della Protezione Civile Lazio: 803555. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi segue gli eventi da Palazzo Chigi. Facebook ha attivato la  funzione Safety Check: per le persone nelle zone interessate dalle scosse di questa notte serve a segnalare ai propri amici dove ci si trova.

Il terremoto del 24 agosto 2016 si è verificato ai piedi dei Monti della Laga che si si sviluppano per oltre 24 km tra gli altopiani di Amatrice (RI) e di Campotosto (AQ). A differenza degli altri gruppi di montagne che si trovano nell’Appennino Centrale, i quali sono costituiti da rocce carbonatiche, ossia da calcari e dolomie, qui ci troviamo di fronte a rocce che i geologi chiamano di origine “torbiditica”, la cui età è di circa 6-7 milioni di anni. Una successione torbiditica è composta generalmente da arenarie, ossia materiale tipo sabbie e materiale più fine, come argille.

 

Queste rocce sono il risultato di materiale che scivolava lungo dei conoidi sottomarini in seguito al sollevamento e al corrugamento del Gran Sasso. Si trattava cioè di vere e proprie frane sottomarine. Il materiale andava a riempire un bacino di mare molto profondo che si sprofondava sempre più. Oggi gli strati di quei materiali sono inclinati verso est.

(fonti Ansa, Focus, Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Clicca per la Diretta TV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.