• Mer. Apr 17th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: Ancora una donazione all’ospedale di Cento dai Coniugi Gallerani

DiGiuliano Monari

Mar 10, 2015

1Di Giuliano Monari – Fotoservizio Lia De Luca

L’AUSL ha voluto ringraziare pubblicamente i coniugi Vincenzo Gallerani ed Elsa Vancini della nuova donazione a favore del servizio di terapia intensiva multidisciplinare della struttura centese. Ancora una cospicua donazione dunque, da parte dei coniugi Gallerani che, come ha detto pubblicamente la dott.ssa Malagodi “voglio sottolineare che queste donazioni vedono una targhetta che riporta il ricordo del figlio Gianfranco. Ma chi era Gianfranco Gallerani? Era una persona nobile nella malattia, una persona che ha dimostrato come nella malattia e nella sofferenza si possa essere una grande persona. Gianfranco è morto nel 83 e se non lo avesse saputo in vita, ora lo sa senz’altro che ha due genitori che sono i più grandi benefattori che la città di Cento abbia mai avuto”. La donazione consiste in due software per monitorare i parametri vitali del paziente in terapia intensiva. Con questo software – ha spiegato Malagodi – “possiamo affrontare la diagnosi e la terapia in modo più fine è preciso in modo da ottenere i migliori risultati possibili oggigiorno”.  “Il direttore sanitario Silvano Nola ha sottolineato come “in questi momenti di grosse difficoltà economiche e scarsità di risorse, ci sono ancora persone che con le loro sensibilità hanno a cuore le necessità di chi si trova in difficoltà e – rivolgendosi ai coniugi Gallerani – grazie al vostro esempio i giovani possono avere un esempio di solidarietà vera e disinteressata. Con le attrezzature che avete donato, i nostri professionisti posso essere d’aiuto a chi si trova in un periodo di difficoltà. Il mio ringraziamento a voi lo esprimo a nome di tutta la direzione generale e di tutto il corpo medico di Cento. Spero che questa vostra testimonianza fattiva sia di esempio a tutta la comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.