• Lun. Apr 15th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

Cento, incontro Fai: Il santuario Vergine della Rocca sarà il primo luogo Fai di Cento. La Presidente Senin a fine anno lascia e la succederà Carla Di Francesco

DiGiuliano Monari

Set 26, 2020

“L’apertura del Santuario della Rocca ci permetterà di aprire al pubblico il primo luogo Fai di Cento”. L’annuncio è dell’assessore alla cultura Elena Meloni in occasione del primo incontro Fai che si è tenuto ieri in sala Zarri a Palazzo del Governatore. Un incontro a cui ha prego parte l’ex soprintendente regionale Carla Di Francesco che ha detto: “Mi fa molto piacere l’invito perché in questa città, grazie anche all’interessamento dall’assessore, si sta cercando di costruire un gruppo Fai che valorizzi i tesori culturali di Cento e lavori per instillare ancora di più il valore dell’arte”. L’incontro è servito per parlare di arte e turismo culturale nella città che ha dato i natali al famoso pittore. Dopo il benvenuto ai relatori, c’era anche la presidente Fai dell’Emilia Romagna Marina Forni Senin e la responsabile regionale dei giovani Fai Raffaella Zanotti, da parte dell’assessore Melloni, l’incontro è stato aperto con un intervento sul turismo emozionale attraverso una lettura della vita artistica del Guercino è della storia antica del Carnevale tenuto da Elena Bastelli dei servizi culturali del Comune.
Carla di Francesco ha poi annunciato: “Ci piacerebbe pensare, grazie anche all’impegno dell’amministrazione, che un gruppo di volontari centese possa già costituirsi e lavorare per valorizzare questo territorio con le giornate Fai in programma per fine ottobre”.
Per costituire un gruppo Fai ci vogliono almeno otto persone. I gruppi possono essere a tema o legati ai luoghi dove nascono. “Essere a Cento è un’opportunità per il Fai” ha invece commentato la presidente Fai Forni Senin. La Senin ha poi ricordato, specie in questo momento, come sia importante valorizzare anche l’ambiente

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.