• Mer. Dic 7th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: Riapre la Chiesa di San Rocco per ospitare le celebrazioni di Natale

DiGiuliano Monari

Dic 18, 2015

chiesa san roccoLa Comunità di San Pietro è lieta di comunicare che LE CELEBRAZIONI DELLE FESTIVITA’ 2015/16  SI TERRANNO NELLA CHIESA DI SAN ROCCO.

A lavori praticamente ultimati, si sarà in grado di celebrare  il  Santo  Natale  in  quella  che  già nel  ‘700  fu,  per  un  certo  periodo,  la  Parrocchiale  di San Pietro e  che,  negli  anni  ’90, ha ospitato i fedeli durante il rifacimento del tetto della Chiesa san pietrina. Le celebrazioni che si svolgeranno a San Rocco,  dal 24 dicembre al 3 gennaio compresi, rispetteranno i seguenti orari:

–        Giovedì 24 dicembre, ore 23.30: Canti e Preghiere in attesa della Messa di Mezzanotte. Al termine, scambio degli Auguri di Buon Natale.

–        Venerdì 25 dicembre: S.Messe alle ore 8.30 – 10.00 e 11.30.

–        Sabato 26 dicembre: ore 8.30

–        Domenica 27 dicembre: ore 8.30 – 10.00

–        Giovedì 31 dicembre (S.Silvestro): ore 18.00  –  S.Messa  e  Te  Deum  di  ringraziamento  per l’anno trascorso

–        Venerdì  1  gennaio  (Capodanno):  ore  8.30  – 10.00  –  18.00:  S.Messa  e  Veni,  Creator  di affidamento  del  nuovo  anno  allo  Spirito Santo.

–        Domenica 3 gennaio: ore 8.30 – 10.00

 

Successivamente,  dal  6  Gennaio, le Messe torneranno nella  “PALESTRA” della Parrocchia,  anche per  consentire  il  trattamento  a  San Rocco  dei  pavimenti,  dei  marmi  e degli  arredi  lignei: questo  per  vederla completamente  rinnovata,  anche esteticamente,  al  momento  della reinaugurazione  ufficiale,  che  verrà fissata a breve.

San Rocco è la prima chiesa cittadina restaurata dopo i danni subiti dal terremoto e si presenta come un piccolo ma prezioso contenitore artistico: l’interno conserva infatti alcune tele pregevoli come “L’Angelo custode” di Matteo Loves e “La Crocifissione con San Rocco e San Sebastiano” (1578-80) di Orazio Lamberti, oltre ad un ciclo di affreschi di M. Cremonini (1603) nell’oratorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.