• Mer. Dic 7th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

‘Come ho fatto a …’ di Klaudia Maria Bretta – intervista a Franca Carpeggiani

DiGiuliano Monari

Nov 2, 2016

come-ho-fatto-a-franca-carpeggiani

 

 

 

 

 

 

 

 

Intervista a Franca Carpeggiani .. come ho fatto a del 20 ottobre 2016

 

 

In questa nuova puntata di “Come ho fatto a…” abbiamo intervistato la signora Franca Carpeggiani, la presidente della “Comunità delle antiche terre del Gambero”, l’associazione culturale che opera nel nostro territorio facendo rievocazioni storiche.

 

-Come ha fatto a nascere questa associazione? Da quanto tempo è stata fondata?

 

L’associazione è nata nel 2006 e quindi operiamo nel territorio centese da ormai 10 anni. L’idea è nata una sera con i miei amici attorno a un tavolo, ognuno aveva le proprie passioni, chi la musica chi il teatro e così abbiamo pensato perché non creare un gruppo nostro per collegare tutte queste idee.

 

-Come vengono preparate queste rievocazioni? Quali sono le attività del gruppo?

 

Siamo suddivisi in gruppi, c’è chi si occupa del teatro e chi della danza e quando abbiamo un progetto cerchiamo di assemblare tutto quando insieme seguiti da un regista e da un scenografo.

 

-Cosa utilizzate durante questi eventi?

 

La prima cosa ovviamente è l’abbigliamento adatto al periodo storico che vogliamo rievocare e per questo abbiamo una sartoria l nostro interno ed inoltre siamo molto attenti all’arredamento per creare l’atmosfera adatta alla rievocazione.

 

– Com’è organizzata l’associazione e quanti sono i componenti?

 

Ad oggi l’associazione conta 50 elementi. Siamo suddivisi in gruppi per non trascurare nessuna disciplina. Abbiamo ad esempio anche il gruppo degli “armati”, che si allenano una volta a settimana. Siamo seguiti da esperti, da una maestra di danza e da un scenografo che coordinano le nostre attività ed inoltre un regista che ci aiuta a scrivere i testi.

 

-Quali sono stati gli ultimi eventi a cui avete partecipato?

 

Una delle attività a cui teniamo è il carnevale rinascimentale, quello che si faceva nel 1500 in cui chi era ricco diventava povero e viceversa quindi in modo alla rovescia.

Poi a settembre, per festeggiare i 10 anni della nostra associazione abbiamo voluto festeggiare aprendo l’ex Ufficio del Registro dove abbiamo fatto una mostra con gli abiti che usiamo per le rievocazioni dal 1100 fino al 1500 e anche l’oggettistica e l’arredamento. E’ stata un’occasione per far conoscere questa struttura anche ai cittadini in quanto era rimasta chiusa per diverso tempo.

 

-E i progetti futuri?

 

Ora stiamo partecipando all’evento Sinfonie d’autunno organizzato dal Comune di Cento e siamo sempre presso l’ex Ufficio del Registro. Abbiamo in progetto di realizzare sempre lì un Presepe Vivente a Dicembre e poi di nuovo il Carnevale Rinascimentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.