• Lun. Lug 22nd, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

Donna, vita, libertà: un flash-mob a sostegno delle donne

DiAnna Zarri

Mar 16, 2023
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ANCHE-WEDDING-pubblicita.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AREA-CENTESE-300x160-px-CONTO-seguimigrande-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Banner_GIF-2.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logo-per-banner-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aucello-3.png
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fantozzi-petroli-grande-2.jpg

di Anna Zarri

Sabato 11 marzo le classi 5S e 5V dell’IIS “Flli Taddia”, accompagnate dalle professoresse Anna Zarri e Rosanna Armone, hanno partecipato a un flash-mob organizzato in piazza del Guercino dall’associazione Amnesty International. Si è trattato di un momento di sensibilizzazione nei confronti delle donne iraniane e afgane: in piazza è riecheggiato il grido “Donna, vita, libertà”, lo stesso urlo che da mesi centinaia di persone intonano nelle piazze iraniane contro un sistema che calpesta la parità di diritti, incarcerando e uccidendo tutti coloro che manifestano il proprio dissenso. In Iran le proteste sono dilagate in tutto il Paese da quando, nel settembre del 2022, la ventiduenne Mahsa Amini è stata arrestata e uccisa dalla polizia morale per aver violato la legge sull’obbligo dell’hijab, avendolo utilizzato in maniera “impropria”. Da allora soprattutto donne e studenti hanno fatto sentire la propria voce, reagendo a una dittatura che da decenni soffoca parole e pensieri attraverso violenza e discriminazione: si stima che all’oggi siano più di 500 le persone uccise per aver osato sfidare il regime e la sua oppressione. Sabato si è voluto ricordare anche la terribile situazione delle donne afgane, private della loro libertà, torturate e uccise a centinaia da quando i Talebani hanno preso il potere nel 2021.

“Donna, vita, libertà”: un grido che deve essere di tutti per poter finalmente creare un mondo più giusto ed equo.