• Dom. Mag 29th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

FRATELLI D’ITALIA: DAL NOSTRO SONDAGGIO, “2,5 SU 10 IL GRADIMENTO DELLA GIUNTA LODI”

DiGiuliano Monari

Ott 24, 2013

Di Giuliano Monariconferenza fratelli d'italia dati sondaggio gradimento lodi 24 ottobre 201

Con un voto rigorosamente anonimo a dieci domande, Fratelli d’Italia è scesa in piazza “tra la gente” per chiedere di esprimere il ‘gradimento’ dell’amministrazione Lodi, esprimendo un voto da 1 a 10. I dati snocciolati dai rappresentanti del partito parlano di 2,5% di gradimento. “Partiamo dal presupposto che noi, come politici, vogliamo rappresentare i cittadini, non come quei politici che, spesso, rappresentano solo se stessi”. Il cittadino – spiega George Savignac – portavoce comunale di Fratelli d’Italia, “si sente escluso dai giochi politici”. E sondaggio è stato. Qualche centinaio le schede raccolte. Ora, il portavoce Savignac snocciola orgoglioso i dati: “entusiasmanti!” Avevamo un obiettivo – spiega alla stampa – “quello di coinvolgere la cittadinanza. Questo obiettivo, crediamo che sia stato raggiunto”. La gente – prosegue – “è arrivata al nostro gazebo a votare e a esprimere il proprio parere. Quello che ci ha impressionato è stato il grande numero di persone dichiaratamente di sinistra”.  E aggiunge: “secondo quello che ci ha detto la gente – ed è emerso dalle risposte alle nostre domande – è mancato il confronto con l’amministrazione. I risultati, secondo me, dovrebbero fare riflettere l’amministrazione, perché la media del gradimento è stata al di sotto del 2,5%, globalmente. Altro dato interessante quello che su un 28% che ha dichiarato di aver votato questa amministrazione, solo il 9%, guardando i dati, la ri-voterebbe”. I cittadini – dice Savignac – “percepiscono che questa amministrazione starebbe facendo danni alla città. La nostra soddisfazione – aggiunge – nasce dalla risposta che ha dato la cittadinanza. Essere in piazza ad ascoltare i cittadini era quello che le persone si aspettavano, e di questo ne sono veramente molto soddisfatto. Ora – prosegue il portavoce – il nostro obiettivo sarà quello di andare a vedere le ‘ragioni’ di questo malcontento che, a nostro avviso, nasce dalla non soddisfazione nella gestione dell’ordinario, del quotidiano”. Da ora in poi – ha aggiunto Savignac – faremo ‘le pulci’ al bilancio comunale”. E, tanto per cominciare, “abbiamo guardato alcune voci: il teatro e la cultura per esempio.  Da quello che si può vedere ci sarebbero ben 740.000 euro di trasferimenti alla Fondazione Teatro, a fronte di una programmazione piuttosto misera. L’unico successo, a nostro avviso, è stata l’Aida. Poi, parlando del famoso ‘tendone’, i costi sono lievitati notevolmente, e sempre sotto la voce teatro sono stati messi a bilancio altri 654.000 euro per immobili. La domanda che facciamo al l’assessore è: dove sono stati spesi questi soldi? Con la crisi e i negozi che chiudono si vanno a spendere oltre un milione di euro per poi, dulcis in fundo, tornare in Pandurera! Queste cose, a nostro avviso, le doveva sollevare il PDL, che in Fondazione ha un consigliere. Io – chiosa – chiedo al l’assessore di giustificare queste uscite!”.

Lascia un commento