• Sab. Mag 28th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

I diritti e i doveri dei cittadini europei – gli studenti dell’ISIT “Bassi-Burgatti” incontrano gli Europarlamentari

DiGiuliano Monari

Ott 20, 2013

5h all'europa in cittàDi Giuliano Monari

Coordinate dalla prof.ssa Filomena De Laurentis, le classi V H e M dell’ISIT “Bassi-Burgatti” hanno partecipato all’incontro organizzato da “Europa in Città”, che si  è tenuto a Bologna il 18 ottobre nella terza torre della Regione Emilia Romagna. All’appuntamento, intitolato “Anno europeo dei cittadini: diritti e doveri” hanno presenziato gli eurodeputati della circoscrizione nord orientale Salvatore Caronna, Vittorio Prodi e Francesco Laera, addetto stampa della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea: a moderare il dibattito Pina Lalli. A fare gli onori di casa c’erano il consigliere regionale Luciano Vecchi, l’assessore regionale Patrizio Bianchi, che ha salutato i partecipanti con un video messaggio, e il rettore dell’Università di Bologna Ivano Dionigi. L’iniziativa alla quale hanno partecipato classi di diversi istituti del bolognese e dell’Università di Bologna, (gli studenti del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Bologna hanno anche dedicato un laboratorio didattico all’iniziativa); ai relatori  non sono state risparmiate domande, a volte pungenti, da parte della platea desiderosa di capire cosa può fare l’Europa ma soprattutto chi può essere protagonista nell’Europa dei prossimi anni.  L’abbattimento delle barriere fisiche tra uno Stato europeo e l’altro e la conseguente possibilità di spostarsi in piena libertà che, specie ai ragazzi, può apparire quasi un dato scontato è in realtà il frutto di un lungo e faticoso cammino. Un percorso che ora più che mai deve proseguire nella costruzione di una identità europea forte e consapevole, capace di contrastare gli spettri dell’euroscetticismo. L’incontro tra europarlamentari e cittadini è molto in linea con le finalità dell’Anno europeo dei cittadini (quale è stato ufficialmente proclamato il 2013), ovvero rafforzare la consapevolezza e la conoscenza dei diritti e delle responsabilità connessi alla cittadinanza dell’Unione. Sono oltre trenta i settori tematici su cui l’Unione Europea legifera e ognuno di loro influenza in modo concreto la nostra vita, anche se spesso se ne ha scarsa consapevolezza. Prendere finalmente coscienza di essere parte di una Comunità reale che da vent’anni implica l’appartenenza a una cittadinanza allargata, imparare a interagire con lei e a conoscerne l’effettiva influenza sulla nostra quotidianità è l’obiettivo principale dell’iniziativa “Europa in Città” 2013 che con i suoi appuntamenti tocca le cinque circoscrizioni del Paese, anche per fornire uno strumento in più di conoscenza delle istituzioni europee in vista delle elezioni 2014. Serve più Europa. Le ultime, terribili tragedie avvenute a Lampedusa hanno riproposto con drammatica attualità e urgenza la necessità di affrontare il tema dell’immigrazione attraverso una più stretta e concreta cooperazione tra gli Stati dell’Unione. Come con la crisi economica che colpisce profondamente i cittadini europei, ‘Serve più Europa’ per offrire risposte concrete ai grandi e complessi problemi dei nostri tempi. Che cosa vuol dire, però, fuori dalle definizioni astratte, appartenere all’Unione Europea? E che cosa concretamente significa essere cittadini europei? Quali sono i diritti e i doveri che ne derivano? Quali le forme di protezione sociale e la tutele ai diritti inalienabili dell’individuo? Quali le opportunità e gli strumenti che questa condizione offre nel proprio percorso di formazione e nella ricerca di una professione? Quali le agevolazioni all’accesso ai servizi finanziari e al commercio? 

 

Lascia un commento