• Ven. Lug 1st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Il comitato dai voce alla tua città di Cento: “ATTEGGIAMENTO SBAGLIATO DELL’AMMINISTRAZIONE E DEL PRIMO CITTADINO” – e già si pensa al ‘terzo’tempo

DiGiuliano Monari

Feb 18, 2014

comitato anti sindacoRiceviamo

ATTEGGIAMENTO SBAGLIATO DELL’AMMINISTRAZIONE E DEL PRIMO CITTADINO:
CONTINUANO A DENIGRARE INVECE CHE ASCOLTARE ED DARE UN SERVIZIO AI CITTADINI.

La soddisfazione degli organizzatori e tanta quanto l’ottusità del sindaco nel tentativo di sminuire ancora una volta l’opinione dei suoi cittadini , siano essi 10 , 100 o 1000, che si impegnano per dar vita ad una protesta che coinvolge tutta la cittadinanza , con motivi molto importanti e gravi. Dietro 10 che si attivano ce ne sono 200 che attendono una soluzione.
Quello che manifestano i rappresentanti di tanti comitati, dovrebbe essere tenuto in considerazione da chi è al governo, senza voler prendere le difese a tutti i costi del proprio capo, e dichiarare insignificante ed inutile la protesta ed ancora dire ora torniamo a lavorare, come se vi fosse stata una inutile ricreazione .
Queste manifestazioni popolari sono servite eccome, infatti il sindaco da assente su tutti i fronti, ha iniziato a prendere parte alle consulte civiche, ha deliberato ed erogato una quota alle associazioni carnevalesche, ha deliberato sulla costruzione della scuola di Reno Centese , insomma, significa che il sindaco era in difetto e l’azione popolare lo ha evidenziato, ottenendo il suo intervento e soprattutto qualche risposta.
Se la prima manifestazione aveva coinvolto maggiormente i centesi e la Centese nella seconda erano presenti le frazioni, altro elemento che il primo cittadino non dovrebbe sottovalutare e sminuire, gente diversa e molto delusa, che ha fatto lo sforzo di partecipare, che si è presa il rischio di farsi vedere, pur temendo ritorsioni sulle proprie attività , perché lo sappiamo che chi di espone corre dei rischi, quindi questa seconda manifestazione è andata per certi versi meglio della prima, il sindaco lo dovrebbe capire.
Molto resta ancora da fare e da sapere, fra le domande che la gente gli avrebbe rivolto se avesse potuto salire ci sono :
che fine hanno fatto i fondi provenienti dagli aiuti arrivati a Cento per terremoto?
La risposta sulle rendite delle case della Ceres ?
Perché la scuola a Corporeno si è le altre no, e i bambini sono ancora nei container ?
Perché il campo sportivo di Santa Liberata non è stato terminato come doveva , entro dicembre 2013 e ancora oggi non ci sono lavori in corso, quando verrà terminato?
Perché i Centesi devono pagare le tasse più alte rispetto ad altri comuni?
Perché a cento le richieste per la ricostruzione degli edifici terremotati trovano tanti impedimenti e vengono contestate?
Perché le proposte dei negozianti per animare il centro storico non vengono prese in considerazione?
Perché non si è fatto il carnevale 2014 ?
Perché a Cento non si sono realizzate nuove strutture sportive con fondi post sisma, come negli altri comuni?
Perché a Cento non si riesce più a circolare , la viabilità è immobilizzata, le code sono sempre più lunghe?
Perché a Cento aumenta la criminalità, le rapine, i cittadini si sentono meno sicuri, hanno paura , perché questo viene sminuito o non preso in minima considerazione?

Le questioni sono tante , diverse, complesse e sono evidenti , sminuirle e addirittura dire che i cittadini sfruttano i bambini per manifestare , quando uno dei temi centrali sono proprio i bambini, costretti dopo oltre un anno a passare il maggior tempo della giornata in container, è un altro modo di rimandare al mittente le richieste.

Il grande comunicatore sta perdendo dei colpi , non ha convinto la sua finta spavalderia ed ha commesso qualche errore che gli si ritorcerà contro .
In ogni caso la migliore risposta di un primo cittadino, sindaco di tutti, nei confronti dei manifestanti avrebbe dovuto essere
Mi dispiace che i cittadini del comune da me amministrato manifestino del malcontento , e vorrei cercare di risolvere i loro problemi e cercherò di capire cosa non va e come poter provvedere.
avrebbe fatto una figura bellissima e ne sarebbe uscito in bellezza,
che sia questo il vero problema del dott. Piero Lodi , la mancanza di umiltà, di ascolto, di sensibilità ? Peccato per lui, ma la gente non ne può pagare le conseguenze.
Come già detto sabato sotto la sede (in affitto) del Comune se non si vedrà un cambio di atteggiamento la terza manifestazione sarà molto vicina.

Il comitato dai voce alla tua città di Cento

Lascia un commento