• Ven. Apr 19th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

IL COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA HA APPROVATO I PROGETTI DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESENTATI DAI COMUNI DI FERRARA, JOLANDA DI SAVOIA, MESOLA E DALL’ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DELL’ALTO FERRARESE

DiGiuliano Monari

Ott 29, 2020


Fissate anche le direttive attuative delle misure di contenimento del contagio da Covid-19 previste dal DPCM 24 ottobre 2020.

Il Prefetto di Ferrara Michele Campanaro ha presieduto stamane, in videoconferenza da palazzo don Giulio d’Este, una seduta del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica nel corso del quale sono stati esaminati i progetti presentati dai Comuni di Ferrara, Jolanda di Savoia, Mesola e dall’Associazione intercomunale dell’Alto Ferrarese (con Bondeno capofila, oltre a Poggio Renatico e Terre del Reno) per la realizzazione e il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza.

Presenti, da remoto, il Vice Sindaco del Comune di Ferrara Nicola Lodi, il Sindaco di Jolanda di Savoia Paolo Pezzolato, il Sindaco di Mesola Gianni Padovani, il Sindaco di Bondeno Simone Saletti ed il Sindaco di Poggio Renatico Daniele Garuti per l’Associazione intercomunale dell’Alto Ferrarese, il Questore Cesare Capocasa, il Comandante provinciale dei Carabinieri Gabriele Stifanelli, il Comandante provinciale interinale della Guardia di Finanza Luigi D’Abrosca ed il dirigente della Zona Telecomunicazioni della Polizia di Stato dell’Emilia-Romagna. Emanuele De Bonis.

I quattro progetti presentati, di differenti importi finanziari, mirano ad implementare gli impianti di videosorveglianza comunale presenti o, come nel caso di Jolanda di Savoia, alla realizzazione di una prima rete di videosorveglianza, con l’obiettivo di rafforzare il presidio del territorio attraverso il controllo tecnologico dei principali accessi cittadini e delle aree urbane maggiormente degradate, con la realizzazione di un sistema di lettura targhe dei veicoli in transito ed il suo interfacciamento con Servizio di Controllo Nazionale Targhe e Transiti.

«I sistemi di videosorveglianza – ha sottolineato il Prefetto Campanaro – rispondono alla crescente domanda di sicurezza dei cittadini. Anche nelle realtà territoriali meno grandi, un sistema articolato di videosorveglianza è supporto preziosissimo all’attività degli amministratori locali, oltre che importante strumento operativo per potenziare, con le Forze di polizia, l’attività di contrasto al degrado urbano ed elevare i livelli di sicurezza della nostra provincia».

Tutti e quattro i progetti hanno ricevuto l’approvazione del Comitato provinciale e sono stati, quindi, inoltrati con parere favorevole dal Prefetto al Ministero dell’Interno, ai fini della ammissione al finanziamento statale, dopo la valutazione della competente Commissione ministeriale

Successivamente, con l’intervento anche della dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Veronica Tomaselli, sono state messe a punto le direttive attuative delle misure di contenimento del contagio da Covid-19 previste dall’ultimo DPCM del 24 ottobre scorso, tenuto conto delle indicazioni emerse dal tavolo di coordinamento regionale riunito, in videoconferenza, nella serata di ieri, 28 ottobre, con i Prefetti della Regione Emilia-Romagna, l’Assessore Regionale alla mobilità e trasporti, il Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Emilia-Romagna ed i Presidenti regionali di ANCI ed UPI.

Il Prefetto ha, quindi, disposto una immediata intensificazione dei controlli, da parte delle Forze dell’Ordine con il supporto delle Polizie Locali, nelle aree a maggior rischio di assembramento, con un’attenzione particolare alle fermate dei mezzi di trasporto pubblico locale, alle aree mercatali ed ai centri della grande distribuzione. Al contempo, il Prefetto ha anticipato che, agli inizi della prossima settimana, si terrà una specifica seduta del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per mettere a punto un piano di contenimento del contagio da Covid-19, insieme con i Sindaci dei Comuni ove sono state registrate le situazioni di maggiore criticità, con i responsabili dell’Agenzia provinciale per la mobilità e di TPER, con il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale e con i direttori generali della Azienda Sanitaria Locale e dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna” di Ferrara.

Infine, il Prefetto è intervenuto richiamando l’attenzione dei vertici territoriali delle Forze di Polizia sulle recenti manifestazioni di protesta contro le misure governative di contrasto alla diffusione della pandemia, che in alcuni contesti territoriali del Paese hanno assunto connotazioni di violenza non consentita. “Nella attuale complessa fase emergenziale – ha concluso il Prefetto – il diritto costituzionalmente garantito a manifestare non può mai uscire dal perimetro della legalità. L’attenzione delle Forze di Polizia in provincia di Ferrara è ai massimi livelli perché, come sinora accaduto, la libertà di manifestare continui ad essere esercitata unicamente in forma democratica e nel rispetto delle Leggi”.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.