• Mer. Apr 17th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

LA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CENTO SOTTOSCRIVE GLI ACCORDI DEFINITIVI CON BANCA POPOLARE DI SONDRIO CIRCA L’OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE INDUSTRIALE DI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO NEL GRUPPO BPS.

DiGiuliano Monari

Ott 31, 2018

Si comunica che in data odierna Fondazione Cassa di Risparmio di Cento (“Fondazione”), azionista di maggioranza della Cassa di Risparmio di Cento (“Cassa”) con una partecipazione complessiva pari a circa il 67% del capitale sociale, e Banca Popolare di Sondrio (“BPS”) hanno sottoscritto gli accordi definitivi che fanno seguito alle negoziazioni avutesi sulla base della Lettera di Intenti sottoscritta il 14 ottobre 2017. Gli accordi definitivi raggiunti consentono al tempo stesso di procedere con la progressiva diversificazione del patrimonio della Fondazione, in conformità alle previsioni di legge e del protocollo ACRI-MEF, nonché alla integrazione industriale di Cassa di Risparmio di Cento all’interno del gruppo BPS.

Gli accordi tra le parti prevedono che l’Operazione si articoli in due fasi.

Conformemente alle previsioni della Lettera di Intenti, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni BPS acquisirà dalla Fondazione e dalla Holding CR Cento, totalitariamente controllata dalla Fondazione, il 51% del capitale sociale della Cassa mediante un pagamento in parte per cassa e in parte (prevalente) mediante scambio con azioni BPS.

Entro il 31 dicembre 2020 BPS acquisirà dagli altri azionisti della Cassa e dalla Fondazione, per la parte residua di azioni ancora in suo possesso, le azioni della Cassa mediante scambio con azioni BPS a condizioni economiche in linea con quelle applicate nella prima fase (salvo eventuali aggiustamenti di prassi in presenza di eventi medio tempore intervenuti), così da incrementare la quota di partecipazione di BPS nel capitale sociale della Cassa almeno al 67% e potenzialmente fino al 100%.

L’Operazione è motivata dalla convinzione che essa implicherà una sostanziale creazione di valore per entrambi gli istituti creditizi, per la spiccata complementarietà industriale esistente tra gli stessi. Tale iniziativa rappresenterà per BPS, in coerenza con la strategia di sviluppo della banca, la possibilità di estendere la propria azione in Emilia Romagna, regione con una solida economia industriale e agricola, nella quale BPS è attualmente solo marginalmente presente. Al contempo l’operazione costituirà un’opportunità di crescita per la Cassa e per il suo personale all’interno del Gruppo BPS. Evidenti, per tutti i soggetti collegati alla realtà locale nella quale Cassa opera storicamente, sono i benefici derivanti dalla coerenza tra le culture aziendali e i modelli di business, l’efficacia operativa e solidità di BPS e Cassa, e la loro spiccata complementarietà industriale, organizzativa e geografica.

L’operazione qui descritta s’intende subordinata al verificarsi di una serie di condizioni il rilascio delle autorizzazioni e/o nulla osta da parte delle competenti Autorità.