• Sab. Apr 20th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

LA PROPOSTA DI CONTRI: “sciopero al contrario, anziché chiudere si apre”

DiGiuliano Monari

Mag 9, 2020

“Sarebbe per me un bel segnale sabato e/o domenica dalle 17 alle 18 tenere le porte dei negozi,ristoranti e parrucchieri aperte e le vetrine illuminate con la scritta “noi siamo pronti per aprire ma non ce lo permettono”
Negozianti, parrucchieri e estetisti hanno lo stesso diritto che altre categorie ATECO hanno avuto. Le norme di comportamento che dovremo avere sono le stesse che si tratti di comprare un vestito o delle scarpe anziché un prodotto alimentare.
Quella che propone  è uno sciopero al contrario, anziché chiudere si apre, chiaramente senza andare contro il decreto.

“Sarebbe per me un bel segnale sabato e/o domenica dalle 17 alle 18 tenere le porte dei negozi,ristoranti e parrucchieri aperte e le vetrine illuminate con la scritta “noi siamo pronti per aprire ma non ce lo permettono”
Negozianti, parrucchieri e estetisti hanno lo stesso diritto che altre categorie ATECO hanno avuto. Le norme di comportamento che dovremo avere sono le stesse che si tratti di comprare un vestito o delle scarpe anziché un prodotto alimentare”.
Quella che propone  Diego Contri “è uno sciopero al contrario, anziché chiudere si apre, chiaramente senza andare contro il decreto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.