• Mer. Apr 17th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

MATTARELLI: FUSIONE CARICENTO IN CREDEM “IMPATTO PER GLI AZIONISTI CRCENTO SPA , IN PARTICOLARE PER I PICCOLI”

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Mar 27, 2021

MARCO MATTARELLI- PRESIDENTE ASSOCIAZIONE PICCOLI AZIONISTI – CAPOGRUPPO LIBERTÀ PER CENTO : VOGLIAMO SAPERE PERCHÉ SVENDETE A 3 EURO CIÒ CHE VALE 11 EURO

: IL 30 MARZO 2021 ORE 11 IN PIAZZA A CENTO PER UN SIT-IN DI PROTESTA ! SI INVITA LA STAMPA LIBERA PER RILASCIARE INTERVISTA SUL CAMPO !!

Recentemente la stampa ha annunciato l’ok dati dalle “ autorità “ all’operazione di CREDEM SU CRCENTO . IMPATTO PER GLI AZIONISTI CRCENTO SPA , IN PARTICOLARE PER I PICCOLI.
“ L’operazione è prevista avvenire con un concambio azionario di 0,7 azioni di Credito Emiliano per ogni azione della Cassa di Risparmio di Cento. A seguito dell’aumento di capitale che dovrà essere eseguito da Credem a supporto dell’operazione, i soci attuali della Cassa arriveranno a detenere circa il 2,85% del Gruppoinoltre si legge ancora : “L’accordo, oltre a regolare le usuali garanzie rilasciate da parte della Fondazione e della Holding a favore di Credem, prevede la cessione, contestuale alla fusione, di 1.000.000 di azioni della Cassa di Risparmio di Centro al Credito Emiliano per un importo complessivo di 7 milioni di euro, da parte della Fondazione e della Holding. I valori di cui sopra saranno oggetto di conferma da parte degli esperti chiamati a redigere la propria relazione sulla base delle norme civilistiche e potranno essere soggetti ad aggiustamenti, positivi e/o negativi, anche in funzione dell’evoluzione di talune attività della cassa “ .
Ci poniamo alcune domande .

  1. IL PATRIMONIO DELLA NOSTRA BANCA AL 31.12.2019 ERA DI 168 MILIONI , IL CHE VUOL DIRE 11,24€ PER AZIONE PERCHÉ VIENE VENDUTA A 0,7 azioni CREDEM per una azione CRCento , cioè oggi tradotto in euro, 52 MILIONI ?
  2. QUALI SONO LE GARANZIE CHE DEVE RILASCIARE LA FONDAZIONE ?
  3. IN BASE A QUALI CRITERI GLI “ esperti “ REDIGERANNO LA RELAZIONE ?
  4. QUALI SONO “ taluni attività della cassa “ soggette ad evoluzione ?
  5. Da dove derivano gli annunciati “ risparmi di costi “ di 13 milioni ?

La fondazione dal 2015 ha avviato l’applicazione del protocollo Acri quando le nostre azioni valevano 21€ e nonostante L’ affiancamento di “professionisti preparati” non è stato possibile evitare un crollo a 2,1 € al 31.12.2020 ed una perdita per gli azionisti privati di 62 MILIONI DI EURO , senza contare quelli persi dalla fondazione che rappresenta il 67% delle azioni ma che in sostanza appartengono alla Città di CENTO , autoproclamandosi per anni in una assoluto autoreferenziale compiacimento . CI SPIEGHINO LOR SIGNORI PERCHÉ TALE MAGNIFICENZA HA RIGUARDATO SOLO I MASTODONTICI EMOLUMENTI DEI MANAGERSSSSSS , MENTRE A NOI AZIONISTI VIENE DATO UN SONORO CALCIO NEL CULO SEMPRE CHE L’OPERAZIONE VADA IN PORTO COSÌ COME È STATA PROSPETTATA.
COSA RESTA DA FARE ?
Dopo avere riposto fiducia, soldi, pazienza ( a fronte delle prese in giro  plurime effettuate dal sistema cassa e dai managerssssss) , non ci restano che due strade :

  1. LA MAGISTRATURA , da noi consigliata ;
  2. riporre qualche PICCOLA residua speranza in CREDEM ( se si concluderà la transazione ) auspicando caldamente che coinvolga la base sociale nella governance della banca al fine realizzare il legame VERO con il territorio e spazzi via questa classe dirigente , superba , spocchiosa, arrogante ed incapace , a cui abbiamo consegnato un Patrimonio e che ci restituisce briciole .

L’ASSOCIAZIONE È A DISPOSIZIONE di una realtà SERIA come la banca Reggiana . INUTILE è stato rivolgersi alle autorità monetarie negli anni ( Bankitalia, CONSOB , MEF, AGCON ) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.