• Lun. Dic 5th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Persiceto: “Il coraggio della parola” a teatro

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Nov 22, 2022

Persiceto: “Il coraggio della parola” a teatro

Persiceto: “Il coraggio della parola” a teatroA dicembre prenderà il via la stagione teatrale 2022-2023 del Comune di Persiceto, promossa in collaborazione con i teatri di Crevalcore e di Sant’Agata Bolognese, riuniti nel cartellone TTTXTE – Tre Teatri per Te: sui palchi del Teatro comunale e del Teatro Fanin di Persiceto si alterneranno diversi artisti italiani, da Pennacchi a Paolini, accomunati dal coraggio di parlare di argomenti scomodi, proponendo sia un’occasione di intrattenimento che di riflessione.
“Il coraggio della parola” è il tema della stagione teatrale 2022/2023 promossa dal Comune di San Giovanni in Persiceto nell’ambito del cartellone TTTXTE – Tre Teatri per Te in collaborazione con i teatri di Crevalcore e di Sant’Agata Bolognese: sette spettacoli vedranno alternarsi sui palchi del Teatro comunale e del Teatro Fanin di Persiceto diversi artisti italiani, accomunati dal coraggio di parlare di argomenti scomodi, proponendo sia un’occasione di intrattenimento che di riflessione.


Ad aprire il sipario sulla nuova stagione sarà Andrea Pennacchi con “Pojana e i suoi fratelli”, venerdì 10 dicembre alle ore 21 al Teatro Fanin. Lo spettacolo, accompagnato dalle musiche dal vivo di Giorgio Gobbo e Gianluca Segato, porterà a Persiceto Franco Ford detto il Pojana, celebre imprenditore inventato da Pennacchi e portato alla ribalta dalla trasmissione Propaganda Live. Insieme ai suoi fratelli Edo il security, Tonon il derattizzatore, Alvise il nero e altri, il personaggio di Pojana – nato dalla necessità di raccontare alla nazione le storie del nordest che fuori dai confini della neonata Padania nessuno conosceva – racconterà storie che mescolano un po’ di verità e un po’ di falsità, per guardarsi allo specchio.La stagione teatrale proseguirà poi giovedì 15 dicembre, sempre al Teatro Fanin, con Lella Costa ed Elia Schilton in “Le nostre anime di notte”, spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Kent Haruf sul coraggio di vivere e descrivere l’amore nella terza età. Sabato 18 febbraio, in Teatro comunale, sarà la volta di Roberto Mercadini in “Little boy. Storia incredibile e vera della bomba atomica”, una storia piena di estremi che si toccano, ironia e orrore, calcoli perfetti e casualità assurde, genio e idiozia, domande che hanno troppe risposte o che non ne hanno nessuna.

Mercoledì 22 febbraio Claudio Casadio  porterà in Teatro comunale “L’Oreste. Quando i morti uccidono i vivi”, una riflessione sull’abbandono e sull’amore negato a partire dalla storia di Oreste, abbandonato quando era bambino, passato da un orfanotrofio a un riformatorio, per finire internato nel manicomio dell’Osservanza a Imola. Sabato 25 febbraio, sempre in Teatro comunale, andrà in scena “L’uomo cancellato. Storia di un anarchico individualista” con Lorenzo Ansaloni, un’altra storia emblematica, quella di Horst Fantazzini, “bandito gentile e solitario”, bandiera del movimento anarchico, ma anche scrittore e pittore. Giovedì 16 marzo, Fabio Troiano porterà sul palco del Teatro Fanin “Il dio bambino”, monologo scritto nel 1993 da Giorgio Gaber e Sandro Luporini contrappuntato da frammenti di canzoni di Gaber, che guidano lo spettatore nell’interpretazione di un racconto di tragicomica, potente contemporaneità. Giovedì 23 marzo, sempre in Teatro Fanin, chiuderà la stagione teatrale Marco Paolini in “Sani! Teatro fra parentesi”: a partire dai temi della crisi climatica e della transizione ecologica, l’attore racconterà momenti di crisi piccoli e grandi, personali e collettivi che hanno cambiato il corso delle cose, crisi raccontate come occasioni, a volte prese al volo, altre volte incomprese e sprecate.
Presso la biglietteria del Teatro comunale è possibile acquistare diverse formule di abbonamento: l’abbonamento ai quattro spettacoli presso il Teatro Fanin (Pennacchi, Costa-Schilton, Troiano, Paolini), intero € 70,00, ridotto € 62,00 (over 65 anni); l’abbonamento ai tre spettacoli presso il Teatro comunale (Mercadini, Casadio, Ansaloni), intero € 50,00, ridotto € 45,00; l’abbonamento a tutti i sette spettacoli, intero € 110,00, ridotto € 100,00.È inoltre possibile acquistare i biglietti per i singoli spettacoli – intero € 20,00, ridotto € 18,00 (over 65 anni) – e la formula agevolata di acquisto cumulativo  “4 biglietti a scelta” al prezzo di € 65,00.
Prevendita: presso la biglietteria del Teatro comunale, mercoledì ore 10-12, sabato ore 17-19; la sera degli spettacoli dalle ore 20 presso il Teatro che ospita lo spettacolo; oppure online su www.vivaticket.it
Per maggiori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo biglietteriateatro@comunepersiceto.it
Alla stagione di prosa si affianca quella del Teatro dialettale che si svolgerà da gennaio al Teatro Fanin, la domenica alle ore 16.30: 29 gennaio, “La signurenna Sabrina”; 26 febbraio, “Al veglian ed cranvel”; 26 marzo, “Mo che anzel”; 14 maggio, “Bandatta la tecnologi”. Info: Teatro Fanin, tel. 821388.