• Sab. Apr 13th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

PIEVE DI CENTO: Arrestati tre presunti rapinatori, determinante un tatuaggio sul braccio

DiGiuliano Monari

Gen 21, 2021

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di San Giovanni in Persiceto hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di un 30enne palermitano, un 34enne napoletano e un 37enne ferrarese, ritenuti gli autori di rapine aggravate e tentate rapine aggravate in concorso.

Tra il 6 e il 9 ottobre scorso, la banda avrebbe fatto irruzione in un fast food e in un albergo a Castel Maggiore, in due farmacie, ad Argelato e a San Pietro in Casale, e in una sala slot a Pieve di Cento, riuscendo ad arraffare 2.380 euro.

Soltanto tre rapine sono state consumate, mentre quelle al fast food di Castel Maggiore e alla sala slot di Pieve di Cento sono sfumate.

Secondo gli inquirenti, la banda agiva in base ai ruoli, quello di autista e palo, attribuito al 34enne e quello di esecutore materiale, attribuito al 37enne e, soltanto nella tentata rapina alla sala slot, anche al 30enne. Gli investigatori dell’Arma sono riusciti a risalire all’identità dei rapinatori, analizzando il tatuaggio, una disegno tribale, sul dorso della mano destra del ferrarese che impugnava l’arma durante le rapine. Fondamentali per identificare i membri della banda anche le testimonianze raccolte sul posto e la visione delle immagini di sorveglianza installate nei locali rapinati e nelle vicinanze. Rintracciati ieri mattina dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di San Giovanni in Persiceto, i tre indagati, sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, Dott.ssa Francesca Zavaglia, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica di Bologna che ha coordinato le indagini svolte dai militari.

Fonte BolognaToday, link all’articolo completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.