• Gio. Lug 18th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

SAN GIOVANNI IN PERSICETO: IL FUTURO DELL’OSPEDALE

DiMarco Cevolani

Lug 27, 2016

imageDi Marco Cevolani

Il sindaco di Persiceto, Lorenzo Pellegatti, ha incontrato in questi giorni Sergio Venturi, assessore regionale alle politiche per la salute e Chiara Gibertoni, direttore generale dell’Ausl di Bologna, per avere informazioni sul futuro dell’Ospedale di Persiceto. A metà settembre è previsto un incontro rivolto ai cittadini in cui verranno approfondite le tematiche legate alla sanità sul territorio persicetano.

 

“Come avevo promesso ai cittadini – dichiara Lorenzo Pellegatti, sindaco di Persiceto – subito dopo il mio insediamento mi sono occupato dell’Ospedale di Persiceto. In questi ultimi giorni ho incontrato Sergio Venturi, assessore regionale alle politiche per la salute e Chiara Gibertoni, direttore generale dell’Ausl di Bologna per avere informazioni sul futuro della nostra struttura ospedaliera. Con l’assessore regionale Venturi abbiamo affrontato il tema della sanità regionale, anche alla luce della Legge 135 del 2012 che disciplina la riorganizzazione delle funzioni amministrative regionali, provinciali di area vasta e associative intercomunali in attuazione dell’articolo 118 della Costituzione, e quindi della distribuzione delle attività nei vari ospedali e in particolare del ruolo di quelli di prossimità, come quello di Persiceto. Con il direttore generale Chiara Gibertoni abbiamo poi affrontato gli aspetti più specifici: l’ospedale SS. Salvatore di Persiceto avrà una vocazione di bassa e media complessità e lavorerà in collaborazione con l’ospedale Maggiore, attrezzato per interventi di maggiore complessità. Con queste modalità la struttura ospedaliera persicetana troverà un suo rilancio, anche attraverso il potenziamento di reparti come chirurgia, urologia e altri. Per informare la popolazione sia su aspetti sanitari più generali, come i servizi territoriali rivolti a bambini e anziani, sia sul futuro del nostro ospedale, stiamo organizzando per metà settembre circa un incontro aperto a tutti i cittadini, a cui saranno presenti anche gli amministratori regionali e la dirigenza dell’Ausl di Bologna”.