LUTTO A RENAZZO: All’età di 86 anni è morto don Ivo, sacerdote in paese da oltre 43 anni – Venerdì 9 alle 14 le esequie. Sarà lutto cittadino – “non fate lutto, fate festa”

Don Ivo era diventato parroco all’età di 23 anni e nel 1974 era arrivato alla frazione centese di Renazzo. “Con sgomento – commenta il sindaco di Cento Fabrizio Toselli – abbiamo appreso questa mattina della morte di don Ivo Cevenini, pastore e vero e proprio padre della comunità di Renazzo. A nome della municipalità centese voglio esprimere il più profondo cordoglio”.

Don Ivo è arrivato nel 1974 trascorrendo qui, fra noi, gran parte del suo ministero sacerdotale: è stato dunque una delle colonne portanti del nostro territorio, alla cui crescita ha contribuito con grande concretezza e umanità, capace di mettersi completamente al servizio della comunità e di prendersene cura.

A lui dobbiamo un’intensa e instancabile attività a favore della vita del paese: dalle iniziative aggregative alla costruzione dell’attuale sede dell’asilo parrocchiale, del Circolo Anspi, del teatrino parrocchiale, fino alla ristrutturazione della ex scuola media ora centro polivalente e alla nascita della Caritas. Non potrà purtroppo inaugurare la chiesa di San Sebastiano, al cui recupero si è dedicato senza risparmiarsi.

In questo anno e mezzo ho potuto apprezzarne le straordinarie doti di generosità, determinazione e di dirittura morale, l’attenzione per le esigenze spirituali, ma anche per la quotidianità delle persone. So che ai renazzesi, e non soltanto, mancherà come può manca un padre, un amico e una guida, ma so che ognuno porterà con sé un ricordo speciale, un momento condiviso, una parola di conforto.

“Don Ivo è stato un grande esempio per tutti noi e un vero e proprio faro. Con lui perdiamo una guida insostituibile e un punto riferimento prezioso, anche se le sue idee e i suoi insegnamenti rimarranno patrimonio comune, da preservare e da portare sempre nel cuore.

L’Ammistrazione comunale ha in animo di proclamare il lutto cittadino in concomitanza con le esequie.

“Don Ivo – scrive il vicesindaco di Cento Simone Maccaferri –  non era solo l’anima spirituale di Renazzo, ma anche un instancabile volano di idee, iniziative, collante dei tanti gruppi parrocchiali e motore per oltre 40 anni della vita renazzese. Vita comunitaria, oltre che religiosa, perchè il suo ruolo – in un paese come Renazzo – andava ben oltre il solo “celebrare Messa”. Dire che la sua scomparsa lascerà un grosso vuoto in tutti noi, in casi come questo, non è per nulla banale retorica, ma una reale – e triste – constatazione in un momento di lutto per tutta la nostra Parrocchia”.

Dal testamento di don Ivo: “Chiedo perdono a quanti si sono sentiti offesi o trascurati dal mio comportamento e ringrazio per il bene ricevuto da Dio, attraverso tanti fratelli, in questi sessant’anni di ministero. Devo tanto alla presenza di mia madre e mio padre in canonica. Quanto mi è mancata mia sorella. Grande è il debito di riconoscenza a mio fratello e mia cognata, per quello che sono riusciti a darmi di pace a Granaglione. Un abbraccio fortissimo ai miei 4 nipoti, per la loro tenerezza. Rendo lode al Signore che mi ha fatto grazia di essere parroco di Renazzo, per più di quarantanni. Renazzo è stato il filtro della mia gioia. Non fate lutto, fate festa”. L’ultimo desiderio di don Ivo sarà esaudito dai vigili del fuoco che porteranno la salma all’interno della sua chiesa in fase di restauro post sisma per la benedizione di mons Matteo Zuppi vescovo di Bologna.

Nella foto in alto Don Ivo Cevenini il 2 luglio del 2016 durante la presentazione della Fiera delle Pere

FacebookTwitterGoogle+FlipboardLinkedInWhatsAppLineGoogle GmailBlogger PostEvernoteCondividi