• Mar. Ott 26th, 2021

Il primo giornale telematico di Cento

Notte Europea dei Musei a Cento

Share

Anche Cento, similmente a tante altre città d’ Europa, aderisce alla Notte Europea dei Musei, una serata speciale istituita sin dal 2005, con musei e istituti culturali eccezionalmente aperti e accessibili gratuitamente al pubblico. Quest’anno l’iniziativa ricade nelle serata di sabato 15 maggio, in cui i musei centesi saranno visitabili dalle ore 19 sino alle ore 21.30, per rispettare l’orario del coprifuoco e tutte le norme di sicurezza anti Covid-19.

In attesa della definizione degli ultimi dettagli per la riapertura al pubblico della Pinacoteca San Lorenzo, l’apertura della Notte dei Musei sarà una sorta di speciale anteprima, per offrire ai cittadini l’occasione di ammirare il nuovo allestimento del museo, che oltre alle opere di proprietà comunale accoglie dipinti e incisioni provenienti dalla Chiesa del Rosario di Cento e dalle Collezioni della Cassa di Risparmio di Cento e della Fondazione Cassa di Risparmio di Cento.

Insieme ai capolavori del Maestro, di Ludovico Carracci e di Carlo Bononi, è possibile ammirare le opere realizzate dagli allievi e seguaci del Guercino e dai talentuosi collaboratori che lavorarono nella sua vivace e attivissima bottega: Lorenzo e Bartolomeo Gennari, Benedetto Zallone, Giovanni Battista Pasqualini, Matteo Loves, Benedetto e Cesare Gennari, Giovanni Francesco Nagli detto il Centino, Emilio Savonanzi.

In questa speciale serata anche la Rocca diviene teatro espositivo per la mostra del pittore Antonio Musio “I Segreti dell’Acqua” e apre le proprie porte per accogliere i visitatori in un viaggio interamente dedicato ad uno dei quattro elementi fondamentali:  19 quadri olio su tela/olio su tavola e 5 opere acrilico su carta, in cui la protagonista è appunto l’Acqua. Fonte di vita e densa di valenza simbolica, nell’immaginario collettivo l’acqua è infatti ricca di significati che vanno dalla vita alla morte, dalla guarigione alla purificazione. Elemento sacro e protagonista spirituale di ogni epoca, essa accomuna tutte le fedi e i popoli del mondo e ci accompagna ogni istante della nostra vita. La mostra rimarrà poi aperta sino al 13 giugno, al sabato dalle 16 alle 19 e la domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.

Share

Lascia un commento