• Sab. Ott 1st, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Magia del Natale al MAGI’900: nuovamente visibili al pubblico 4 dipinti della Fondazione CaRiCento

DiGiuliano Monari

Dic 12, 2015

quadri al magi ritornoUn grande regalo di Natale a tutta la comunità e al territorio, quello che la Fondazione Cassa di Risparmio di Cento ha presentato nella serata di ieri al Museo MAGI’900 di Pieve di Cento. L’occasione era quella del tradizionale scambio degli auguri tra i rappresentanti degli organi della Fondazione Soci, Consiglieri di Amministrazione e Indirizzo, dipendenti, e collaboratori.

Dal caveau al Magi ‘900, un progetto di visibilità per esporre al pubblico e restituire alla comunità, quattro prestigiose opere della ricca collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Cento. Un’occasione di rinascita, per due opere del Guercino, Sibilla e Santa Maria Maddalena in meditazione, per Santa Maria Maddalena in meditazione di Benedetto Gennari, e La Madonna col Bambino e San Gaetano da Thiene di Ubaldo Gandolfi. A dare giovedì pomeriggio al Magi di Pieve di Cento, lo stesso Bargellini affiancato dalla curatrice scientifica del Museo Valeria Tassinari, mentre a presentare con orgoglio le opere, Cristiana Fantozzi (presidente Fondazione CariCento), il vicepresidente Claudia Mazzuca, Diego Benatti (vicepresidente Cdi) e Gianni Cerioli (coordinatore commissione arte) che ha parlato nello specifico delle opere esposte. Di fronte alla bufera CariFe, a garantire la solidità e la coerenza di Cassa di Risparmio di Cento, il presidente Carlo Alberto Roncarati. Intervenuti all’evento, occasione per il brindisi e per scambiarsi gli auguri di Natale e di felice 2016, non solo soci e amici della Fondazione, ma anche il rettore dell’Università di Ferrara Giorgio Zauli, amministratori del centopievese, forze dell’ordine e tutto il mondo targato CariCento. A spiegare la scelta, la stessa presidente Fantozzi: “Evacuate dalla Pinacoteca Civica, inagibile dopo il sisma del 2012, i quattro importanti dipinti, per scelta degli amministratori della Fondazione, non sono stati trasferiti all’Art Defender di Sassuolo, ma sono rimasti a Cento, depositati nel caveau della CariCento”. Dopo tre anni, quattro prestigiosi quadri, compreso la Sibilla, reduce da un’apprezzatissima esposizione a Tokyo, tornano a nuova vita al Magi grazie alla disponibilità di Giulio Bargellini”. I quattro dipinti, almeno per il prossimo anno, saranno visibili così in una nuova prestigiosa sede, un museo privato aperto a tutti, contenitore polivalente in cui il patrimonio artistico viene condiviso: “Siamo convinti – ha proseguito la Fantozzi – che il primo passo di ogni vera valorizzazione sia la fruibilità delle opere, la Fondazione ha voluto con forza che i dipinti tornassero ed essere visibili e accessibili al pubblico. Al Museo ‘900, le opere vengono così restituite alla comunità”. Poi il brindisi ben augurale, e la visita alla nuova ala espositiva.

Lascia un commento