• Mer. Giu 29th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

BANCA CENTRO EMILIA CHIUDE IL 2021 CON UN UTILE DI 4,68 MILIONI

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Mag 27, 2022

L’Assemblea approva la proposta di destinazione dell’utile, con un dividendo per i soci, ed il rinnovo delle cariche sociali.

Un bilancio da 4,68 milioni, il più alto degli ultimi 10 anni, con +88,9% sul 2020, ed un Tier One che passa dal 17,01% del 2020 al 17,63% denotando un ulteriore rafforzamento dei valori patrimoniali. Sono questi i dati che Banca Centro Emilia ha presentato lo scorso 18 maggio all’assemblea dei soci che si è tenuta per la terza volta con la modalità del rappresentante designato e senza la partecipazione fisica degli oltre 16mila soci.

Risultati raggiunti senza mai interrompere l’attività di impiego a favore di imprese e famiglie del territorio che segna nel 2021 un + 73,71 mln € (+ 8,08%) rispetto al 2020, in confronto ad un sistema bancario che cala di uno 0,1%1 in un anno di grandi necessità per via dell’emergenza economica conseguente a quella sanitaria.

Ulteriormente ampliate le coperture sul credito deteriorato che raggiungono il 76,35% dal 67,83% del 2020, con l’NPL ratio lordo che scende dal 5,82% al 3,66% da un anno all’altro e quello netto allo 0,90% a conferma della abituale attenzione ai rischi.

L’ Assemblea si è inoltre espressa sulla proposta di rinnovo delle cariche sociali, approvando l’ingresso di due presenze femminili; Silvia Grandi ferrarese laureata in economia e commercio e Presidente del CdA di Copma Soc. Coop. a R.L. e Ilaria Manghi, nata a Reggio Emilia, ingegnere, Direttore della Bologna Business School – Università di Bologna.

Confermati nel CdA Giuseppe Accorsi, Simone Donati, Nicola Fabbri, Davide Frascari, Stefano Gallerani, Carlo Maffei e Dante Pola.

Entra a far parte del Collegio Sindacale l’ avv. Francesca Bertani, esperta in Diritto Commerciale e Societario e socia dello studio Legal Twelve di Reggio Emilia mentre rimangono confermati nella carica il Presidente Renzo Bartoli ed il centese Paolo Fava.

Il Direttore Generale Giovanni Govoni considera ormai storia i risultati ottenuti nel 2021, pur esprimendo soddisfazione per il lavoro di tutta la squadra in un contesto segnato dal susseguirsi di situazioni straordinarie fra le quali anche la pandemia. “Ma ora la guerra, le tensioni internazionali e le ricadute in termini di aumenti dei prezzi, in particolare delle materie prime, stanno delineando nuovi scenari per l’anno in corso di difficile lettura; in questa situazione di incertezza cercheremo di fare ancora più ricorso alla nostra capacità di presidiare il territorio favorendo la relazione diretta e la vicinanza alla clientela”.

Giuseppe Accorsi, confermato alla Presidenza, esprime rammarico per non aver potuto organizzare in presenza l’Assemblea dei Soci; tuttavia vuole evidenziare l’approvazione del progetto di destinazione dell’utile di esercizio che prevede, oltre alla distribuzione del dividendo ai soci, la destinazione di oltre 50mila euro al Fondo Beneficenza e Mutualità utilizzato, fra l’altro, per sostenere progetti a finalità sociale e ambientale quali ad esempio le borse di studio dedicate ai giovani soci o figli di soci, l’iniziativa di educazione finanziaria rivolta agli Istituti Superiori ed il progetto legato alla linea di prodotti etici della banca che ha portato alla piantumazione di 3.400 alberi in paesi svantaggiati del nostro pianeta.

“Consideriamo – dice Accorsi – la distribuzione dell’utile una delle manifestazioni della mutualità che si affianca alle molte agevolazioni di cui i soci sono beneficiari, come ad esempio le polizze assicurative, i servizi di conto corrente e le condizioni di accesso al credito”.

1 Dati Comparativi rilevati a settembre 2021 (fonte Federcasse)