• Dom. Giu 16th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

CASUMARO SENZA CONSULTA NEL SILENZIO DELL’AMMINISTRAZIONE

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Apr 23, 2024

Alcune settimane fa, la maggioranza dei Consultori della Consulta Civica di Casumaro, hanno rassegnato le proprie dimissioni in massa, causando la caduta della stessa, perché anche tutti gli altri candidati in coda, hanno rifiutato la surroga.
Si è conclusa nel peggiore dei modi, l’avventura di una Consulta Civica che anni fa, aveva portato voce al Paese, ma soprattutto aveva ottenuto che la frazione fosse considerata alla pari del Capoluogo.
Tutto ciò, è avvenuto nell’assordante silenzio di questa amministrazione e del Presidente della Consulta Civica, che anziché capire le ragioni di quanto accaduto, hanno cercato di coprire i fatti non parlandone con gli interessati, continuando a snobbare la frazione.
Nessuno si è posto il problema o ha avuto la sensibilità di attivarsi con i cittadini per capire quali fossero le loro esigenze.
Nessuno si è posto il problema dei tanti disservizi e delle false promesse fatte in campagna elettorale.
Una fra tutte, il POLO SANITARIO che ad oggi rimane chiuso, senza il Centro Prelievi perso a causa dei personalismi del PD, senza la biblioteca comunale, senza la delegazione comunale, senza le associazioni di categoria.
Casumaro, un Paese che ad oggi non ha il Pediatra di comunità e neanche il medico condotto.
Un paese, che non offre servizi per anziani e bambini, costretti a dover fare km per un esame del sangue o semplicemente per raggiungere il medico curante.

Un Paese, con gli stradelli della Partecipanza completamente disastrati e pericolosi, con le strade rotte e senza segnaletica orizzontale e quella verticale danneggiata.
Un Paese completamente abbandonato, preso in giro da chi in campagna elettorale prometteva di essere diverso, ma si è rilevato peggio di Piero Lodi negli anni in cui Casumaro ha visto togliersi tutto.
Non era questo che meritava Casumaro, non era questo che meritavano tutte le altre frazioni, non era questo che era stato proposto ai cittadini da questa amministrazione quando ha cercato i voti senza un programma elettorale, fatto di bugie e denigrazioni.
La speranza, rimane quella di riavere ciò che Casumaro, Cento e tutte le altre frazioni avrebbero meritato e che hanno perso negli ultimi 3 anni.