• Mar. Gen 18th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

CENTO: LAVORO SOMMERSO. INDIVIDUATI DALLA GUARDIA DI FINANZA DI FERRARA 5 CITTADINI EXTRACOMUNITARI INTENTI A RACCOGLIERE FRUTTA LAVORANDO COMPLETAMENTE IN NERO

DiGiuliano Monari

Set 9, 2020


I Finanzieri della Tenenza di Cento, a seguito di una specifica attività
info-investigativa e di controllo economico del territorio, hanno
individuato nel bondenese una vasta area adibita alla coltivazione di
frutta, ove sono stati identificati, impegnati in attività lavorativa, cinque
lavoratori risultati essere totalmente “in nero”, cioè privi di copertura
assicurativa e regolare assunzione.
Gli accertamenti svolti hanno permesso di appurare che il titolare
dell’azienda impiegava manodopera extra comunitaria, reclutata
occasionalmente, in assenza di qualsiasi comunicazione agli Enti
previdenziali, assistenziali e del lavoro, senza la stipula di contratti e
con retribuzioni orarie di circa 7 euro.
Oltre al recupero della contribuzione previdenziale e assicurativa
evasa, al titolare verrà irrogata, al termine dello sviluppo degli
accertamenti, la c.d. “maxi sanzione” prevista per ogni lavoratore
irregolarmente impiegato, il cui importo viene determinato in relazione
alla durata della violazione commessa e, nel caso specifico, è
compreso tra i 1.800 e 10.800 euro.
I cittadini extra comunitari sorpresi a raccogliere frutta dai militari delle
fiamme gialle, soggiornavano regolarmente sul territorio nazionale e
fornivano fattiva collaborazione durante le attività ispettive.
L’operazione si inquadra nel solco delle attività svolte a tutela degli
interessi dei lavoratori e degli operatori economici onesti che
ottemperano agli obblighi di legge e soffrono forme insidiose di
concorrenza sleale.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.