• Sab. Mag 28th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Fratelli d’Italia sulla nomina di Corvini in Patrimonio degli Studi

DiGiuliano Monari

Dic 4, 2013

conferenza fratelli italia 15 ottobre 2013Anche noi di Fratelli d’Italia vogliamo commentare la recente nomina di Luigi Corvini alla amministrazione del Patrimonio Studi, e magari , se ci fosse  consentito, dare in proposito qualche suggerimento  agli amici di Forza Italia.  Non abbiamo mai dubitato della forte fibra del consigliere Corvini, ne tanto meno delle sue doti di politico, ma riteniamo che il cumulo di 3 incarichi pubblici possa essere eccessivo anche per un uomo come lui, visto che ricopre già quelli di consigliere comunale e di consigliere provinciale. Incarichi di questo tipo richiedono,  per svolgergli al meglio, tempo e energie a profusione. E’ necessario dedicarci  ore e ore di lavoro, talvolta  a discapito dei propri impegni professionali (anche se la legge consente di ricorrere a ferie o permessi). Non per niente, a nostro avviso,  l’opposizione in sede di amministrazione comunale, è stata finora fin troppo latitante. Lo stesso Paolo Fava,ex candidato sindaco proprio per il PdL,  ha commentato la nomina di Corvini in un modo tutt’altro che positivo. Ma è impossibile apprezzare  l’ennesimo  “conflitto di cariche”, in quanto anche il regolamento del consiglio provinciale vieta ai propri consiglieri di ricoprire ruoli dirigenziali in enti di diritto privato a controllo pubblico (art 11-12-13 del D.Lgs n. 39/2013). La nomina entrerebbe quindi in conflitto sia con il ruolo comunale che provinciale. Sicuri che sia stato una distrazione del consigliere Corvini, forse dovuta ai suoi già troppo numerosi impegni, lo invitiamo a rinunciare a qualcuno dei suoi  incarichi, magari offrendo l’opportunità a qualche  valido giovane presente in Forza Italia di distinguersi. In quanto a noi, di Fratelli d’Italia, abbiamo  inserito nel nostro statuto il divieto dei doppi incarichi, proprio per la convinzione che chi assume incarichi pubblici li debba svolgere al cento per cento, senza essere distratto dalla ricerca di ulteriori guadagni o di mera visibilità.

 

GEORGES SAVIGNAC

portavoce Fratelli d’Italia

Circolo di Cento 

Lascia un commento