• Ven. Mag 20th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

IL VOLTO ESTETICO DELLE TADDIA

DiGiuliano Monari

Mar 20, 2014

volto estetico taddia“Bisogna fare la propria vita come si fa un’opera d’arte”. Era questo il credo esistenziale del poeta-soldato. Quello stesso credo che gli studenti di alcune classi dell’Istituto F.lli Taddia di Cento (2Q, 5P e 5S) hanno voluto ricercare e rintracciare in ogni ambiente, arredo o cimelio della dimora dannunziane di Gardone Riviera. Qui i ragazzi, accompagnati dai docenti Maletta, Meotti e Pertili e dall’educatrice Poppi, hanno trascorso la giornata , confrontandosi in maniera diretta con l’emblema dell’edonismo italiano. Il primo importante appuntamento è stato con la casa di D’Annunzio, la Prioria, della quale – varcato l’ingresso – hanno visitato, incuriositi, le diverse stanze: quella degli “ospiti indesiderati”, dove il poeta avrebbe fatto attendere Mussolini per due lunghe ore; quella della Musica, da una finestra della quale sarebbe caduto per avances poco gradite o per ragioni politiche; la biblioteca con i circa seimila libri d’arte; il bagno blu con i suoi innumerevoli oggetti; la sala delle reliquie, simbolo della fusione di sacro e profano; l’Officina con il busto della Duse, “testimone velata” della sua scrittura; la sala da pranzo dominata da un’enorme tartaruga in bronzo, monito contro l’ingordigia. Quindi, il viaggio esplorativo è proseguito all’esterno della casa, alla ricerca di ogni altro particolare che testimoniasse il vivere inimitabile del poeta-vate: l’aereo Ansaldo S.V.A. con cui volò su Vienna; il MAS 96 con cui partecipò alla Beffa d Buccari; la prua della nave Puglia; la Fiat T4 con cui entrò a Fiume; il Mausoleo costruito post mortem. «Giornata fantastica!» Così alcuni studenti della V S hanno sintetizzato l’esperienza vissuta al Vittoriale degli Italiani, aggiungendo un particolare che dovrebbe far riflettere tutti, soprattutto in considerazione del destino che da qualche anno incombe sulla scuola: «Oggi siamo diventati più grandi, più ricchi. Consapevoli della forza e dell’entusiasmo che possono scaturire dal sapere, dalla conoscenza».

Lascia un commento