• Lun. Dic 5th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

Lega Nord: “SINDACO LODI E IL PD RESPONSABILI DELL’IMPASSE SULLA CISPADANA”

DiGiuliano Monari

Lug 19, 2016

cispadanaALAN FABBRI E MARCO PETTAZZONI (LN): “AVANTI NEL SOSTENERE UN’ALTERNATIVA AL PERCORSO AUTOSTRADALE, CHE SIA MENO IMPATTANTE PER I CITTADINI. SE SIAMO ARRIVATI A QUESTO PUNTO, LA COLPA E’ DI LODI E DEL PD” 

«La situazione di impasse venutasi a creare nell’iter dell’autostrada Cispadana è da imputare, prima di tutto, all’ex sindaco di Cento, Piero Lodi, ed al Pd. Il quale, a tutti i livelli, ha governato in modo pessimo la situazione e non ha trovato tracciati alternativi al C2b (che passa per Alberone) e al C2c, che inciderà negativamente sull’abitato di XII Morelli. Escludiamo tassativamente queste due ipotesi, perché occorre un terzo tracciato, che non passi né da Alberone e né da XII Morelli.» Non hanno dubbi, i consiglieri regionali della Lega Nord, Alan Fabbri e Marco Pettazzoni, i quali indicano Lodi e il Partito Democratico come gli unici responsabili di quanto sta succedendo sul fronte della Cispadana. L’assessore regionale, Donini, ha “sponsorizzato”, infatti, la soluzione del tracciato che passerà vicinissimo a XII Morelli, mettendo un “veto” su qualsiasi altra discussione. Ma Fabbri e Pettazzoni non sono d’accordo, sul fatto che non ci siano più margini di manovra e insistono sulla creazione di un terzo tracciato, alternativo al C2b e C2c: «Portiamo avanti da tempo questa battaglia – dicono – e, se il sindaco Toselli sarà di questo avviso, potremo lavorare insieme a tracciati alternativi, che possano spostare di alcune centinaia di metri un percorso autostradale che, oggi, impatterebbe violentemente sulla salute degli abitanti delle frazioni, in un modo o nell’altro. Lavoriamo compatti su di una linea condivisa e sugli obiettivi da raggiungere in questo “terzo tracciato” possibile, senza voler bloccare l’autostrada, ma cercando la soluzione più idonea per il bene del territorio e delle comunità che ci vivono. La cosa strana – osservano Fabbri e Pettazzoni – è il silenzio degli altri consiglieri ferraresi, che forse hanno paura di dire la propria, consapevoli che, in particolare il Pd, è il responsabile di quanto sta succedendo in questo estenuante iter per la realizzazione della nuova autostrada Cispadana.»