• Mar. Gen 18th, 2022

Il primo giornale telematico di Cento

LIBRI: ‘La parrocchia di S.Agostino dalle origini al XIX Secolo’

DiGiuliano Monari

Ago 24, 2020

Sarà presentato domenica 30 agosto alle ore 18 il volume ‘La parrocchia di S.Agostino dalle origini al XIX Secolo’ (Ed. Freccia d’oro) nell’ambito dei festeggiamenti per il patrono. Interverranno alla presentazione il card. arcivescovo Matteo M. Zuppi e gli storici bolognesi dott. Mario Fanti e prof.don Maurizio Tagliaferri.
A seguire vi sarà la proiezione di un breve documentario (realizzato da Tiziano Battini) che illustrerà una sintesi della storia parrocchiale, dei manufatti e delle suppellettili artistiche.

Il volume, curato da Riccardo Galli, mette di fronte il lettore ad un patrimonio di informazioni che, recuperate dall’Archivio parrocchiale e da quello Arcivescovile, ci restituiscono un quadro storico nuovo, per quanto possibile completo e scientificamente documentabile, della storia parrocchiale dalle origini alla fine del XIX secolo. Nel volume trova spazio una descrizione puntuale delle suppellettili della Chiesa: opere in legno, decorazioni, quadri, oggetti di culto, segno dell’attenzione con cui i vari parroci, ma soprattutto don Serra, si presero cura della Chiesa di S. Agostino.

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.


Lascia un commento