• Dom. Giu 23rd, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

Necessaria una proroga sulla procedura semplificata delle distese – l’intervento di Fipe ed Ascom Confcommercio

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ANCHE-WEDDING-pubblicita.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AREA-CENTESE-300x160-px-CONTO-seguimigrande-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Banner_GIF-2.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logo-per-banner-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aucello-3.png
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fantozzi-petroli-grande-2.jpg

“Siamo profondamente soddisfatti dell’intervento della Regione Emilia Romagna che – a seguito della lettera di Fipe e Confcommercio regionale–  tramite il suo presidente Bonaccini e l’assessore Corsini si sono schierati accanto ai pubblici esercizi per ottenere una proroga della procedura semplificata per la concessione delle distese che vada oltre la data del 30 giugno – commenta Matteo Musacci, presidente provinciale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi – Confcommercio e prosegue –  il biennio 2020/2021 con l’emergenza sanitaria hanno modificato in modo radicale l’approccio alle distese che oggi vengono utilizzate tutto l’anno. Dobbiamo salvaguardare gli investimenti, importanti, fatti dagli imprenditori sulle distese. Un altro obiettivo è lavorare per ottenere – per quanto possibile per l’intero 2023 – la gratuità di questi spazi esterni, fondamentali nell’economia d’impresa”.    

“E’ un tema importante che va affrontato in modo complessivo su tutta la provincia – aggiunge Marco Amelio, presidente provinciale di Ascom Confcommercio Ferrara – le distese hanno contribuito in maniera determinante all’ospitalità in città come in tutto il territorio; le nostre imprese del Commercio, Turismo e Servizi hanno bisogno di abbattere i costi oltre che di certezze per poter lavorare in tranquillità e recuperare così almeno in parte  i fatturati persi negli anni complessi della pandemia. Senza dimenticare che da oltre un anno tutto il Terziario sta facendo i conti con gli aumenti insostenibili del caro energia “. 

“Auspichiamo  a questo proposito per arrivare ad una soluzione condivisa – concludono da Ascom e Fipe Confcommercio – un colloquio costante con le Istituzioni pubbliche e di concerto con tutte le associazioni di categoria”.