• Mar. Feb 27th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

4 consultori di Casumaro si sono dimessi: Francesca Caldarone (FdI), segnale di scollamento con l’amministrazione

DiFONTE COMUNICATO STAMPA

Feb 10, 2024

“Apprendo senza stupore, che 4 Consultori su 7 eletti nella Consulta Civica di Casumaro, hanno rassegnato le proprie dimissioni a distanza di pochi giorni dalla presentazione del cantiere della nuova scuola, che costerà ai Centesi quasi 13 milioni di Euro e che porterà grandissimi disagi a causa dei lavori che si svolgeranno per anni durante le lezioni e in presenza dei bambini.
Quanto accaduto, dovrebbe far riflettere questa amministrazione, che non ha mai ascoltato le istanze dei Consiglieri di opposizione e ha letteralmente snobbato la Consulta e i Casumaresi.
Come ho sempre sottolineato, non serve ergersi sopra le righe spendendo soldi pubblici in opere inutili e abbandonare tutto il resto, senza rispettare le vere esigenze dei residenti.
Casumaro, non aveva bisogno di una nuova scuola, ma di piccole attenzioni, che avrebbero fatto la differenza tra una buona amministrazione e questa amministrazione basata su bugie elettorali e denigrazioni gratuite nei confronti di chi invece, ha sempre lavorato per il bene dei cittadini.
Viene spontaneo chiedersi del perché si è deciso di spendere tutti questi soldi, lasciando però incompleta e senza il polo sanitario la delegazione, del perché non si aggiustano le buche, non si asfaltano le strade (Via degli Orologi a parte), non si fa manutenzione agli stradelli bianchi, non si ripristina la segnaletica verticale e orizzontale e non si investe sulla sicurezza.
Se un Consultore tenace come Vittorio Lodi, che da 20 anni si batte per il bene dei cittadini ha deciso di mollare, è il segnale che ci deve mettere davanti ad una sola evidenza, questa amministrazione di sinistra è costruita su bugie, oltre ad aver portato avanti i progetti di Piero Lodi ed aver assunto dipendenti inutili, non ha fatto nulla.
Siamo tutti stanchi di vedere foto e leggere successi inesistenti, Cento e le sue frazioni non meritavano tutto ciò”