• Mar. Apr 16th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

ALL’”IIS F.LLI TADDIA” TUTTI A SCUOLA…DI CANTO!

DiGiuliano Monari

Dic 18, 2020


di Anna Zarri – Si è concluso il 16dicembre, presso l’IIS “F.lli Taddia”, il laboratorio di Canto Corale proposto dalla Scuola di Musica Fra le Quinte di Cento. Il progetto “Il Suono e il Canto della Pianura 3”, finanziato dalla Regione Emilia Romagna, aveva come scopo quello di diffondere il linguaggio e la cultura musicale fra i giovani, valorizzando il canto come esperienza di inclusione e di socializzazione. I ragazzi, seguiti dalla professoressa Maria Grazia Marvelli e formati dalla bravissima docente di canto Elena Giardina, si sono cimentati in un “laboratorio sonoro” che li ha avvicinati inizialmente all’alfabetizzazione melodica e ritmica, per poi riuscire ad eseguire veri e propri brani corali. Gli incontri sono stati scanditi da momenti di creatività e condivisione, che li hanno aiutati ad accrescere la fiducia in se stessi e a superare eventuali difficoltà in ambito comunicativo, relazionale ed emotivo. Tutto ciò grazie alla musica, vero e proprio “balsamo dell’anima” per i ragazzi, soprattutto in un periodo come quello che stiamo vivendo, dominato da fragilità e insicurezze.

“In questi pomeriggi a scuola – afferma la Dirigente scolastica dottoressa Elena Accorsi – i nostri ragazzi hanno ripetuto tante volte, con tutta la forza delle loro giovani voci, queste parole: “I’m not scared to be seen”, cioè “Non ho paura di essere guardato”. È difficile raccontare quanta forza dia cantare insieme agli altri per sentire che le fragilità e le insicurezze dei singoli si affrontano meglio quando si è parte di un gruppo. È questa la forza del nostro coro, che a gennaio riparte con un nuovo, entusiasmante repertorio!”

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.