• Ven. Apr 19th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

PASSERELLA CICLOPEDONALE CENTO-PIEVE: Quando l’ironia è una ‘cosa seria’

DiGiuliano Monari

Dic 17, 2020

Di Giuliano Monari – Ricordate la passerella ciclopedonale che dovrebbe collegare Cento a Pieve di Cento? Si? Bene. Prendiamo allora spunto da un post a mio avviso ironico, al riguardo, del consigliere comunale Piero Lodi – PD (minoranza a Cento) per ironizzare simpaticamente su un’opera che dovrà collegare le due città separate dal fiume Reno. Siccome l’opera tarda a giungere ad ultimazione, e sono davvero tanti i momenti in cui abbiamo annunciato la riapertura, l’ex sindaco Piero Lodi ha pensato bene di rimarcare la questione con un post ad alto contenuto ironico: “E la Farsa continua! Sempre con la consueta faccia tosta… Vi ricordate della passerella sul Ponte Vecchio? Quella che è chiusa oramai da oltre 18 mesi? Quella che doveva aprire in 90 giorni, poi nell’estate, entro l’apertura delle scuole, nel mese di ottobre, a fine novembre, entro Natale? Già! L’ultima promessa (di 15 giorni fa!) era che avrebbe aperto entro Natale! Oggi c’è una nuova promessa: entro Capodanno! Sarà capodanno 2021 o capodanno 2022? Intanto anche ieri non ci lavorava nessuno… Forse il Sindaco spera che, una volta consegnati i regali, siano gli elfi di Babbo Natale a finire l’opera… Se le passerelle si facessero con le frottole, tra Cento e Pieve ci sarebbe un ponte a quattro corsie! P. S. Un dettaglio divertente: ieri sera in Consiglio comunale l’assessore ai lavori pubblici ha detto (baldanzoso) che lui non ricorda di avere mai detto date e non averle poi rispettate… Farebbe ridere, ma mi viene da piangere!” …. ogni tanto fa bene sorridere anche su questioni serie, in attesa della riapertura della passerella.

Grazie per aver letto questo articolo…

Dal 23 gennaio 1996 areacentese offre una informazione indipendente ai suoi lettori.. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di persone che ci leggono ogni giorno, e che ringraziamo, può diventare fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.