• Mer. Apr 17th, 2024

Il primo giornale telematico di Cento

PIEVE DI CENTO: Al via le Giornate Fai di primavera il 25 e 26 marzo

DiGiuliano Monari

Mar 22, 2023
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ANCHE-WEDDING-pubblicita.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AREA-CENTESE-300x160-px-CONTO-seguimigrande-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Banner_GIF-2.gif
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logo-per-banner-2.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è aucello-3.png
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fantozzi-petroli-grande-2.jpg

Il gruppo Fai di Pieve di Cento apre le porte di tre luoghi nascosti
In occasione delle Giornate FAI di Primavera (sabato 25 e domenica 26 marzo) il Gruppo
FAI di Pieve di Cento, che comprende il territorio dei Comuni dell’Unione Reno Galliera e
Terre d’Acqua, darà la possibilità di visitare tre luoghi solitamente chiusi al pubblico.
• Palazzo Zambeccari, detto il Conte
Via Conte, Frazione Bagno di Piano (Sala Bolognese) – accesso senza prenotazione
Sabato 25 Marzo dalle 14.30 alle 17.30 e domenica 26 marzo dalle 10.30 alle 17.30
• Impianto Idrovoro Storico di Bagnetto, a Castello d’Argile
Partenze con navetta da Padulle, Piazza Marconi 1 – prenotazione obbligatoria
Sabato 25 marzo dalle 14 alle 16.30 ogni mezz’ora e Domenica 26 marzo dalle 10 alle
12 e dalle 14 alle 16.30
Durata percorso e visita circa 1 ora e mezza.
• Archivio Storico Notarile del Palazzo Comunale di Pieve di Cento
Piazza Andrea Costa, Pieve di Cento – accesso senza prenotazione
Domenica 26 Marzo dalle 15 alle 18 (ogni mezz’ora) – gruppi di massimo 12 persone
Cosa sono le Giornate FAI di Primavera?
Si tratta della più grande festa di piazza dedicata al patrimonio storico, artistico e
paesaggistico italiano. La prima edizione risale al 1993 e oggi coinvolge più di 750 luoghi
situati in 400 città della penisola. Un’occasione per scoprire non solo monumenti ma anche
luoghi inediti, solitamente inaccessibili, e paesaggi sconosciuti del nostro Paese,
accompagnati dai nostri appassionati volontari